Seguici su

Mercato NBA 2019

Mercato NBA, Paul George: rinnovo da 137 milioni di dollari coi Thunder

Il prodotto di Fresno State ha rifiutato la corte della sua città

I primi segnali sono arrivati in serata dal suo compagno di squadra Russell Westbrook, tornato dal nulla ad Oklahoma City per organizzare una festa; una festa che non poteva che essere quella per il suo compagno di squadra Paul George che ha deciso di rimanere con i Thunder, firmando un rinnovo da $137 milioni per i prossimi quattro anni.

Il contratto al massimo salariale siglato dall’ex Indiana Pacers comprende anche una player option per l’ultimo anno.

Dopo un’annata altalenante e con la cocente delusione dell’eliminazione ai Playoff contro gli Utah Jazz, PG ha quindi deciso di non abbandonare la nave e continuare il progetto iniziato l’anno scorso insieme a Westbrook e a Carmelo Anthony che ha deciso di esercitare l’opzione sul suo ultimo anno di contratto.

Vista la situazione salariale e l’ulteriore rinnovo di Jerami Grant ($27M per tre anni a lui), il roster di OKC dovrebbe rimanere piuttosto invariato, con l’aggiunta del ritorno di Andre Roberson, grave assenza la sua durante i Playoff, principalmente nella metà campo difensiva. Il totale stipendi di OKC si attesta così a 157 milioni di dollari con 11 giocatori a roster ma, secondo le regole del salary cap, la luxury tax sarà pesantissima (circa 130 milioni di dollari) e lieviterà i costi complessivi da pagare per il mantenimento di una squadra così importante.  Mai prima d’ora una squadra NBA ha avuto all’attivo una luxury tax così alta.

Niente casa e niente Los Angeles Lakers quindi per il prodotto di Fresno State, con i gialloviola che secondo i rumors starebbero virando su DeMarcus Cousins come terzo big da affiancare a LeBron James e Kawhi Leonard (entrambi obiettivi primari del GM Magic Johnson durante questa free agency), provando a scavalcare i New Orleans Pelicans che vorrebbero riportare tenere l’ex Sacramento con loro in Louisiana.

Nell’ultima stagione ha chiuso a 21.9 punti di media, con 5.7 rimbalzi e 3.3 assist, tirando con il 40% da tre punti

A George non resta quindi che godersi la festa organizzata in villa dal suo compagno di squadra e continuare nel progetto di maturazione che potrebbe potenzialmente portare i Thunder ad essere una franchigia d’élite nella Western Conference per i prossimi anni.

 

Leggi anche:

Mercato NBA: Chris Paul Houston 4 anni al massimo

Mercato NBA: Kevin Durant rifirma con gli Warriors

Mercato NBA: Nikola Jokic quinquennale con i Nuggets

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Mercato NBA 2019