Seguici su

New York Knicks

NBA, Crisi New York Knicks: coach Fizdale rischia il posto

Dopo la pesante sconfitta maturata contro i Cleveland Cavaliers, è ufficialmente crisi per i New York Knicks.

knicks

Che New York sia una piazza complicata, si sa. Che i tifosi Knicks siano ambiziosi e molto esigenti è un dato di fatto. Ma perdere di 20 punti al Madison Square Garden contro una squadra teoricamente alla pari farebbe arrabbiare chiunque. Anche la dirigenza.

Così ieri, dopo la sconfitta subita da New York in casa per 87-108 contro Cleveland, si sono presentati in conferenza stampa le due figure più importanti della dirigenza Knicks: il general manager Scott Perry e il presidente Steve Mills:

“Ovviamente io e Scott non siamo felici per dove siamo in questo momento. Pensiamo che la squadra non stia giocando al livello che noi ci aspettavamo e questo è qualcosa per cui dobbiamo lavorare tutti assieme per produrre sul parquet ciò che volevamo a inizio stagione”

La posizione del coach David Fizdale, come riporta Adrian Wojnarowski sembra essere ora in discussione, con la dirigenza che sta valutando attentamente la situazione, dopo la fiducia ribadita solo pochi giorni fa. Anche l’allenatore ha parlato alla stampa dopo la partita, assumendosi piena responsabilità dei risultati:

“Mi assumo ogni responsabilità. Sono io che prendo le decisioni di ciò che accade in campo, come i giocatori giocano, quali giocano, quali chiamate fare e che sistema di difesa usare”

Fizdale, lo ricordiamo, è arrivato a New York nel maggio 2018 registrando una record di 19-78. Il suo contratto con i Knicks scadrà l’anno prossimo per un valore totale di 22 milioni di dollari.

Dopo aver sognato una free agency ricca di campioni quest’estate, i Knicks hanno visto sfumare sia Kawhi Leonard che Kevin Durant, passato con Irving ai Brooklyn Nets, scatenando l’ironia di questi ultimi.

New York dopo i rifiuti dei big della free agency ha deciso di affidarsi a Taj Gibson, Julius Randle, Marcus Morris ma soprattutto alla terza scelta del draft 2019, RJ Barrett. Sul giovane prodotto di Duke vi sono moltissime aspettative, anche da parte dell’allenatore Fizdale, che ha deciso di puntare forte sul giocatore tenendolo in campo oltre 35 minuti a partita.

Il canadese per ora sta ripagando la fiducia, mantenendo una media di 15.5 punti, 5.8 rimbalzi e 3.6 assist a partita, non abbastanza però per garantire una continuità nella vittorie.

 

Legi anche:

Risultati NBA: i Raptors interrompono la striscia dei Lakers. Jokic la vince allo scadere, i Suns non si fermano più

NBA, Knicks: Fizdale risponde alle critiche rispetto al minutaggio di Barrett

NBA, David Fizdale difende Dennis Smith Jr. dopo l’inizio di stagione dei Knicks

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in New York Knicks