Seguici su

Dallas Mavericks

Per i Dallas Mavericks il processo sarà lungo e faticoso

I Dallas Mavericks tra un passato pieno di rimorsi e pasticci, un presente doloro e un futuro incerto. Ma ci sono anche cose belle, tipo Dennis Smith Jr.

A tutta pagina sulla sezione del sito di ESPN riguardante i Dallas Mavericks, ovvero l’ultimo cantuccio buio in un castello addobbato a festa, ha albergato per diverse ore una notizia strana, persino per gli standard NBA. Una banda di ladri si è introdotta in casa di Charlie Villanueva e gli ha rubato il cesso. Il veterano, che ha terminato la carriera proprio a Dallas, si è incazzato come una biscia. Pochi giorni dopo qualcuno ha pensato di spedirgli a casa un cesso nuovo e lui è talmente felice da abbracciarlo e twittare una foto.

Per forza di cose, un’introduzione triste

(Pagina 2 è intitolata Un declino lento, pieno di contraddizioni e scelte sbagliate. Per la parte divertente – ma neanche tanto – a pagina 3 si scende in campo).

Una delle cose più eccitanti della loro stagione è stato l’annuncio del ritiro della maglia di Derek Harper, leggenda da quelle parti, tanto di cappello, ok, ma pur sempre uno che non ha mai chiuso una stagione sopra i 20 punti di media o a 8+ assist, grande difensore mai All-Star.

Harper GIF

Leader di franchigia in assist e rubate.

Insomma, ok. Un’ultima cosa, così da togliersi il dente subito e non pensarci più: la situazione-Noel ha davvero assunto risvolti tragicomici. Un riepilogo veloce:

  • Restricted Free Agent in estate, Noel non ha da lungo tempo ricevuto offerte dai Mavs.
  • Poi ha cambiato agente, affidandosi a quel Rich Paul già manager di LeBron e Bledsoe, tra gli altri.
  • Firma la qualifying offer da 4,1$ milioni. Non è chiaro se un’offerta da 70 cocuzze in 4 anni gli sia mai stata recapitata.
  • Cuban, Carlisle e giocatori sono ben contenti del ritorno in squadra dell’ex Sixers.
  • Poi, però, il prodotto dell’Università di Kentucky gioca sempre meno.
  • All’intervallo di una partita in cui non aveva giocato un minuto si è fatto un hot-dog.
  • Dice che rifiuterebbe ancora 70$ milioni in 4 anni. Che quindi gli erano stati offerti.
  • Al momento è comunque ai box per un’operazione al pollice della mano sinistra.
  • Si inseguono i rumors per trade: cambiare aria gli farebbe sicuramente bene. Al momento è quanto più distante si possa pensare dai piani futuri di Dallas, e probabilmente Dallas è distante dai suoi.

Finora si è parlato solo di lunghi con problemi esistenziali, ex giocatori derubati della cosa a cui tengono di più e leggende anni Ottanta/Novanta. Non sarebbe ora di parlare dei giocatori dei Mavs? Ma chi gioca ai Mavs?

dirk nowitzki drinking GIF

👀👀👀👀👀👀👀

Un breve, rude elenco:

  • Una guardia che guadagna un sacco e invecchia peggio del previsto a dispetto del soprannome Iron Man.
  • Un’ala piccola che anche quest’anno esplode l’anno prossimo e stai a vedere che non esplode più.
  • Un lungo canadese che esce dalla panchina ed è pure il terzo più pagato del roster.
  • Il Curry non MVP, pure rotto.
  • Un lungo tedesco che avrebbe dovuto smettere qualche mesetto fa.
  • Un play di riserva super romantico, portoricano, che è il peggior nemico del front office perché ogni tanto ventelleggia e porta a casa indesiderate vittorie.
  • Yogi.
  • Josh McRoberts, ma – guess what – è rotto.
  • Un altro lungo che fa il duro con Popovich sotto di 20.
  • Anthonius Cleveland, che è un bellissimo nome ma si è appena rotto la caviglia. I Mavs l’hanno tagliato ma si sono fatti carico delle spese mediche.
  • Gian Clavell, che è un altro ottimo nome e il Natale lo festeggia sobrio, a casa coi cari.

Ma ci sono anche buone notizie.

  • In questa franchigia non giocano, non hanno mai giocato e si spera non giocheranno mai Timofey Mozgov o Evan Turner.
  • Dallas sta a tasse come James Harden sta a transizione difensiva.
  • Speranze su alcuni giocatori, tipo l’ala piccola di cui sopra o – wait for it – Maximilian Kleber.
  • Dennis Smith Jr.

Precedente1 di 3
3 Commenti

3 Comments

    Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertisement
    Advertisement
    Advertisement

    Altri in Dallas Mavericks