Seguici su

L.A. Clippers

Kawhi Leonard e la ripresa NBA: “Sono pronto”

La stella dei Clippers non è preoccupato: “É come se ripartissimo dalla off-season, è tutta questione di mentalità”

kawhi leonard

Le squadre sono a Orlando e hanno ripreso ad allenarsi. Tra queste ci sono anche i Los Angeles Clippers di Kawhi Leonard, uno che in questi mesi non ha mai parlato della situazione in cui versava la NBA. Ma ieri lo ha fatto, quando ai media ha raccontato di come si sente e di come ha vissuto questo periodo di quarantena.

Il due volte campione NBA (una volta con gli Spurs e una con i Raptors) è arrivato a Orlando da solo e, dopo il periodo di isolamento imposto dalla lega, si è allenato per la prima volta lunedì pomeriggio. Per la prima volta in quattro mesi ha parlato ai media, come riporta Clutchpoints.

I primi argomenti trattati sono stati la ripartenza NBA e come i Clippers hanno vissuto la quarantena:

È proprio come una off-season praticamente, dove di solito hai tre mesi, fai un training camp, un paio di allenamenti e alla fine hai le partite di pre-season. È tutta questione di  mentalità: in questo caso hai solo otto partite per prepararti al post-season, ma praticamente hai la stessa sequenza temporale per prepararti. Tutti conoscono il loro corpo e sanno cosa devono fare. Sono davvero passati quattro mesi? [ride] Ci sentivamo spesso via telefono o SMS, è stato abbastanza facile. Quando è iniziato, tutti erano praticamente in quarantena con la loro famiglia, non volevano rischiare nulla, cercavamo di essere responsabili.  

Mentre la situazione si evolveva e la NBA iniziava ad aprire le strutture per allenarsi e a interagire con le squadre mi sono adeguato e mi assicuravo che tutti si pulissero le mani, fossero al sicuro e cercassero di controllare i sintomi. Se qualcuno aveva dei sintomi, dovevi stare lontano da loro. Dovevi solo essere egoista da quel punto di vista, assicurarti solo di rimanere in salute e di proteggere il tuo corpo”

Durante la quarantena i Clippers hanno mandato a casa dei loro giocatori le attrezzature necessarie per mantenersi in forma, con coach Doc Rivers che ricordava a tutti gli obiettivi da raggiungere. Un fattore determinante, come spiega lo stesso Leonard:

Mi sento bene. Sono stato in grado di allenarmi, di migliorare e prepararmi per questo momento in cui ci troviamo. Questo è il mio primo allenamento [riferendosi a lunedì], quindi sono entusiasta. Siamo tutti concentrati, non è una stagione come le altre: siamo tutti felici di poter giocare e, alla fine, vogliamo essere incoronati campioni” 

Non è sorpreso, invece, che ci siano stati dei positivi anche all’interno della bolla di Orlando. Tuttavia, Kawhi Leonard si fida del piano attuato dalla lega per monitorare la situazione:

“Non mi sorprende che ci siano dei positivi: coinvolgi così tante persone provenienti da diverse città e stati e non c’è praticamente alcun controllo su di esso. Ma penso che stiano facendo il massimo: la NBA ha ideato insieme a squadre ed esperti questo protocollo e tutti stiamo seguendo le linee guida, cercando di tenerci socialmente distanti da tutti. Tutto ciò che possiamo fare è rimanere ottimisti e speriamo di poter finire in questa stagione”  

 

LEGGI ANCHE:

NBA, 2 giocatori su 322 positivi al coronavirus

NBA, Richaun Holmes esce dai confini della bolla per il cibo d’asporto

Mercato NBA, i Brooklyn Nets vicini a firmare Lance Thomas

 

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in L.A. Clippers