Seguici su

Senza categoria

NBA: i Mavericks hanno richiesto la disabled player exception per Barea

Per il giocatore si è purtroppo anche parlato di un possibile ritiro vista la tipologia di infortunio

L’infortunio di JJ Barea è stata sicuramente una tegola dolorosissima per i Dallas Mavericks, con il portoricano che stava producendo numeri interessantissimi (10.9 punti con 5.6 assist a partita) alla guida della second unit di cui era sicuramente il leader in campo. Per coach Carlisle sarà sicuramente un problema rimpiazzare con i giocatori a disposizione nel roster il prodotto della Northwestern University e per questo motivo non è da escludere che la squadra possa decidere di tornare sul mercato.

Per fare ciò la franchigia di Mark Cuban avrebbe richiesto alla lega la possibilità di usufruire di una disabled player exception visto che l’infortunio al tendine d’achille costringerà il campione NBA del 2011 a saltare tutto il resto della stagione (anche se purtroppo sono state diversi i rumors che hanno parlato di carriera finita visti i 34 anni di Barea, la gravità dell’infortunio e la lunghezza dei tempi di recupero). In caso di risposta affermativa da parte della NBA l’exception dovrebbe corrispondere alla metà del contratto del giocatore e aggirarsi quindi intorno al $1.8 milioni.

Nel frattempo i Dallas Mavericks, guidati dalla ormai stella riconosciuta da molti di Luka Doncic sono ancora in piena corsa Playoff, nonostante lo stop di domenica sera contro i Golden State Warriors; ovviamente in una Conference così competitiva la squadra texana non può permettersi troppi passi falsi e per questo motivo, se qualcosa deve essere fatto per ritoccare il roster dopo questo sfortunato evento, verrà probabilmente fatto il più in fretta possibile, facendo chiaramente attenzione a quello che il mercato dei free agent può ancora offrire.

 

Leggi anche:

NBA, tegola Rockets: Clint Capela out per 4-6 settimane

NBA, Kyrie Irving: “Le mie dichiarazioni erano dovute alla voglia di vincere”

NBA, Tony Parker confessa “Gli Spurs non credevano che me ne sarei andato davvero”

MIP Check #3: PointSlow e il Lou Williams dei lunghi

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Senza categoria