Seguici su

News NBA

NBA: Lonnie Walker IV e il suo rapporto con Gregg Popovich

Gli Spurs non speravano di trovarlo ancora disponibile alla diciottesima chiamata e non se lo sono fatti sfuggire

Dopo diversi anni, sempre ai vertici della Western Conference, i San Antonio Spurs si sono ritrovati a scegliere al Draft in una posizione piuttosto alta (la #18), in un primo giro che abbondava di talento e di giovani prospetti. La loro scelta è ricaduta infine su Lonnie Walker IV, giocatore di grandissima prospettiva da Miami University, le cui quotazioni al Draft erano leggermente scese dopo una stagione con gli Hurricane caratterizzata da molti up & down.

Il nativo della Pennsylvania ha giocato una buona Summer League, chiudendo a 11.5 punti di media con 5 rimbalzi e l’unica pecca del 34% dal campo. Al coaching staff di San Antonio è però piaciuta la personalità con cui il giocatore ha interpretato le partite e la maturità dimostrata nonostante la giovane età.

Dal suo canto Lonnie Walker IV si è subito calato nello spirito dei Texani, manifestando in più di una occasione la propria soddisfazione e felicità di trovarsi agli Spurs e di poter essere allenato da un allenatore come Gregg Popovich:

“Non potrei essere più soddisfatto di trovarmi in una squadra così vincente, sono tantissimi i giocatori che sono passati da qua e che in questa squadra sono cresciuti tantissimo, sia come persone che come giocatori. Quando ho sentito il mio nome ho pensato che non mi sarebbe potuta andare meglio di così.”

E sul neo allenatore del Team USA:

“Mi permette di essere un’ottima persona, mi sta facendo crescere come uomo e non solo come giocatore, lo considero come un secondo padre. Sono contento che come rookie lavorerò con uno dei più grandi allenatore di questo gioco. Si è creato fra di noi un vero rapporto, ed fantastico. Ha voluto parlare con me dei miei sogni NBA, ma anche della mia vita.”

Con le partenze di Parker, Anderson e Leonard, e con Manu Ginobili che potrebbe decidere di appendere le scarpe al chiodo, Walker avrà probabilmente, fin da subito, un buon minutaggio in questi nuovi San Antonio Spurs che avranno in DeMar DeRozan il loro nuovo leader offensivo.

 

Leggi anche:

È LeBron James il giocatore preferito dai rookie NBA

NBA, Jimmy Butler considera di unirsi ai Lakers di LeBron James

NBA, Vince Carter ufficiale agli Atlanta Hawks: “Sono pronto per una nuova stagione”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA