Seguici su

Golden State Warriors

NBA, Cousins torna sulla sua decisione di unirsi agli Warriors

DeMarcus Cousins si lascia scivolare addosso le critiche per la decisione presa in free agency e resta concentrato sul recupero dal grave infortunio al tendine d’Achille

Cousins

DeMarcus Cousins si è reso protagonista di una delle mosse più discusse della pur animata free agency 2018. La sua scelta di unirsi ai Golden State Warriors, contromossa dei campioni in carica all’approdo sulla costa ovest di LeBron James, ha suscitato un mare di reazioni. Per l’ex Kings e Pelicans, tuttavia, le chiacchiere stanno a zero.

Di seguito quanto emerge dal trailer del documentario The Resurgence, prodotto in collaborazione con  Showtime Sports, che racconta la lunga riabilitazione di Cousins dal grave infortunio al tendine d’Achille che ha posto fine alla sua stagione nel gennaio scorso, impedendogli peraltro di prendere parte all’All-Star Game:

“È stato il mio asso di spade. La mia bomba nucleare. La mia ultima spiaggia. Sì, avrei potuto forse ottenere un contratto decente da una squadra non di vertice, ma come mi avrebbe aiutato? Sto già lottando contro un infortunio spezza-carriera. Non vado a inserirmi in una situazione già compromessa per dimostrare il mio valore in un contesto che non punta a vincere.  Sapevo quale sarebbe stata la reazione da parte di alcuni, non me ne frega un ca**o. Sicuramente qualche stro**o si starà strappando i capelli per questo, e mi piace pensarlo.”

L’obiettivo dichiarato è essere a disposizione già a partire dal training camp.

 

Leggi anche:

Mercato NBA: Celtics e Smart vicini all’accordo per il rinnovo contrattuale

Hawks e Thunder discutono di uno scambio Schröder-Melo

Mercato, i Cavs rilasciano Kendrick Perkins

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors