Seguici su

Houston Rockets

NBA, Tilman Fertitta sulle proteste in USA: “Questo è ciò che rende grande l’America”

Anche il proprietario dei Rockets appoggia l’iniziativa di coloro che scendono a protestare

tilman fertitta

Le proteste aumentano di giorno in giorno per rendere giustizia a George Floyd e abbattere una volta per tutta l’odio razziale diffuso in America.

In molti hanno appoggiato la causa di coloro che scendono per le strade: dai più comuni cittadini alle più grandi associazioni sportive, di abbigliamento e non solo.

All’interno della NBA in molti hanno esposto la loro opinione a parole, altri, invece, hanno protestato pacificamente per difendere i propri valori.

L’ultima dichiarazione in merito alle proteste arriva da Tilman Fertitta, proprietario dei Houston Rockets, che su Power Lunch della CNBC ha appoggiato le migliaia di persone che protestano in tutto il paese contro l’ingiustizia razziale dopo la morte di George Floyd:

“Lo sappiamo, ci sono cattivi giornalisti, ci sono cattivi amministratori, ci sono alcuni cattivi poliziotti e alcuni cattivi manifestanti, tutto ciò è molto deludente. Per questo amo che le persone si siano mosse per protestare. Questo è ciò che rende grande l’America”

“All’inizio dell’anno ci siamo messi nei guai perché abbiamo commentato qualcosa di molto deludente che stava accadendo, è questo che rende grande l’America. Odio il fatto che molte cose negative vengano nascoste, per questo motivo è giusto protestare”.

Oltre alle proteste attuali, Fertitta ha fatto riferimento anche alle dinamiche che hanno coinvolto lui e l’intera dirigenza dei Rockets all’inizio della regular season.

Il riferimento era al tweet che il GM Daryl Morey aveva pubblicato e subito dopo cancellato nel mese di ottobre. Morey, infatti, pubblicò un post a sostegno dei manifestanti di Hong Kong, che si opponevano al controllo della Cina sulla regione e alla brutalità della polizia locale. Fertitta ha tentato rapidamente di separare la franchigia dall’iniziativa di Morey, ottenendo però scarsi risultati.

Il proprietario della franchigia texana possiede diverse attività, per questo motivo ha anche dichiarato di supportare qualsiasi dei suoi dipendenti che decidono di parlare in merito alle questioni che riguardano l’America:

“Prima di tutto, parlare di un problema in America e parlare di un problema che si trova da qualche altra parte nel mondo sono due questioni diverse. In America abbiamo libertà di parola e possiamo fare e dire tutto ciò che vogliamo senza poi subirne le conseguenze. Ed è per questo che tutti amiamo così tanto questo paese. Credo al 100% che la mia non deve essere un’organizzazione politica. Ho 60.000 dipendenti e 100 milioni di clienti, di conseguenza non siamo sempre d’accordo. Di solito il 50% la pensa in un modo e il 50% in un altro, ma quando si tratta di un problema come questo in America, dovresti parlare e dire esattamente quello che vuoi “.

Leggi anche:

NBA, Jaylen Brown e la marcia di protesta per George Floyd

NBA, Michael Jordan: “Sono dalla parte di coloro che protestano”

La NBA si schiera: “Il razzismo non può più essere ignorato”

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Houston Rockets