Seguici su

L.A. Lakers

I Los Angeles Lakers hanno il via libera per parlare con Ron Adams

L’assistente dei Golden State Warriors andrebbe ad aggiungersi a Jason Kidd e Lionel Hollins al fianco di Frank Vogel

Dopo Jason Kidd e Lionel Hollins, i Los Angeles Lakers sono alla ricerca di un altro assistente di alto profilo da mettere al fianco di Frank Vogel, e il profilo ricercato sembra essere quello di Ron Adams, dal 2014 uno degli artefici neanche troppo nascosti della dinastia dei Golden State Warriors, e sopratutto della loro difesa.

Il nativo della California, precisamente di Laton, un CDP (quello che negli Stati Uniti è un centro abitativo senza amministrazione comunale) con poco più di mille abitanti che combinazione vuole si trovi a metà tra San Francisco e Los Angeles, ha cominciato la sua carriera nella sua contea a Fresno Pacific, anche come capo allenatore, salvo poi affermarsi nella nazione come uno dei migliori assistenti NBA in circolazione.

Chicago Bulls, Oklahoma City Thunder, Boston Celtics, sono solo alcune delle panchine NBA su cui Ron Adams si è seduto portando la propria idea di pallacanestro e la sua personalità, sempre molto apprezzata dai giocatori. I Gialloviola hanno quindi ricevuto il permesso da parte dei Golden State Warriors per parlare con il loro assistente, che cercheranno di convincere grazie alla possibilità di poter allenare giocatori del calibro di Lebron James e Anthony Davis.

Da ricordare che i casa Lakers proseguono anche le riflessioni e le strategie per completare un roster che vede, oltre ai due già citati, Kyle Kuzma, Moe Wagner, Isaac Bonga, Jemerrio Jones, (oltre al possibile contratto del rookie Talen Horton-Tucker). Con questi giocatori i Lakers dovrebbero disporre di ancora $23 o $28 milioni di dollari di spazio salariale, una differenza data dalla possibilità che Davis rinunci alla “trade kicker” da 4 milioni di dollari prevista dal suo contratto. Per questo motivo la dirigenza sta ragionando se liberare un terzo “max slot” (30-32 milioni di dollari) da sfruttare in questa free agency, per il quale la franchigia dovrebbe cedere giocatori come Bonga, Wagner o Jones, oppure completare la squadra con una serie di giocatori funzionali intorno alle due superstar già presenti.

 

Leggi anche:

Mercato NBA: Kawhi Leonard declina la player option

I migliori meme dagli NBA Playoff 2019

I free agent signing più famosi della storia NBA

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in L.A. Lakers