Seguici su

NBA Finals

NBA Finals, rottura del legamento crociato sinistro per Klay Thompson

L’ala di Golden State ha lasciato l’Oracle Arena in stampelle nel corso del terzo quarto: nel post partita confermata la rottura del crociato anteriore

klay thompson

Enorme festa per i Toronto Raptors, che nella notte hanno vinto il primo titolo NBA della loro storia, sbancando l’Oracle Arena. Per una squadra che gioisce, però, ce n’è una che ha visto i propri sogni di vittoria infrangersi. Non solo: in gara-6 Golden State ha vissuto l’ennesimo infortunio di una propria Star, dopo quello occorso a Kevin Durant in Gara-5 solamente pochi giorni fa. Questa volta si è trattato di Klay Thompson, che a poco più di due minuti dal termine del terzo quarto ha dovuto lasciare il parquet per un infortunio al ginocchio sinistro. Adrian Wojnarowski, più tardi, ha confermato che si tratta della rottura del legamento crociato anteriore.

Partito in contropiede, l’ala degli Warriors ha subito fallo da Danny Green dei Toronto Raptors, cadendo a terra, quando il punteggio era sull’ 83-80 in favore per i padroni di casa. Dopo la caduta, il numero 11 ha stretto il ginocchio con una smorfia di dolore, venendo assistito da Jonas Jerebko e Jordan Bell. Dopo aver provato a camminare in direzione degli spogliatoi, nonostante la rottura del crociato Thompson è poi tornato sul parquet per segnare i due tiri liberi previsti. Se un altro giocatore li avesse tirati al suo posto, l’ala non sarebbe poi più potuta tornare in campo.

Irreale poi la battuta di Thompson a Steve Kerr subito dopo essere uscito dal campo per farvi capire la durezza mentale degli Warriros:

“Ho solo bisogno di due minuti di riposo e poi ci sono”

In ogni caso, dopo l’azione lo staff medico ha infine dichiarato che il giocatore sarebbe stato indisponibile per il resto della partita, lasciando l’arena in stampelle, ricordando molto quello che è accaduto a Kevin Durant in Gara-5.

I tifosi lo hanno salutato con cori che intonavano ‘MVP!’, ‘MVP!’: in effetti, fino a quel momento Klay Thompson si stava rendendo protagonista dell’ennesima grande prestazione nel corso di questi Playoff, facendo registrare 30 punti in 32 minuti, con 8/12 dal campo, e mettendo a referto 5 rimbalzi.

 

Leggi anche:

I Toronto Raptors sono campioni NBA 2019!

NBA Finals, Klay Thompson onora Durant: “Siamo qui grazie a KD”

NBA, Kevin Durant a New York per ulteriori esami al tendine d’Achille infortunato

2 Commenti

2 Comments

  1. Lamberto

    14/06/2019 09:24

    Un mito. Se non si faceva male, era vinta.

    • karoo

      14/06/2019 13:00

      Sicuramente. Almeno gara 6 andava ai GSW. KT è una macchina e quando va su di giri, come in questa partita, non sbaglia un colpo che sia uno, nemmeno per sbaglio. Pensavo ad una grossa storta e quando è tornato per la seconda volta negli spogliatoi, correva! Grandissimo.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in NBA Finals