Seguici su

New York Knicks

NBA, Mills: “Fosse dipeso solo da me, Noah non sarebbe arrivato ai Knicks”

Steve Mills getta ombre sulla gestione Jackson ai Knicks

Il contratto quadriennale da $72 milioni offerto nel 2016 all’allora free agent Joakim Noah si è rivelato  un macigno sulle sorti dei New York Knicks, oltre ad aver  condizionato pesantemente il giudizio sull’operato di una franchigia  che, negli ultimi anni, ha cambiato molti tasselli dal punto di vista tecnico e dirigenziale.

Steve Mills, attuale presidente dei Knicks nonché GM incaricato all’epoca dei fatti di cui sopra, ha preso le distanze da una mossa così discussa a posteriori. Di seguito quanto dichiarato in proposito ai microfoni di Marc Berman del New York Post:

“Ovviamente mi dispiace sia andata così. Se fosse dipeso tutto solo da una mia decisione, forse Noah non sarebbe mai arrivato qui. C’è una ragione che ci ha portato a valutare l’opzione del taglio come la migliore per la nostra squadra e tutto l’ambiente.”

A spingere per l’approdo di Noah nella Grande Mela furono soprattutto Phil Jackson, nelle vesti di presidente ‘esecutivo’, e Clarence Gaines Jr., consulente di punta della squadra.

A inizio dicembre Noah ha trovato l’accordo con i Memphis Grizzlies per un annuale al minimo salariale. Il ritorno al Madison Square  Garden è in programma il prossimo 3 febbraio.

 

Leggi anche:

NBA, Carmelo Anthony attacca i Knicks: “La gestione ai piani alti ci penalizzò in free agency”

Risultati NBA: Antetokounmpo e i Bucks passano al Garden. Vittoria Lakers, ok anche Spurs e Raptors

NBA, aggiornamenti sul recupero di Porzingis

NBA: effetto Doncic, Cuban provoca: “Mandiamo i giovani a formarsi in Slovenia”

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in New York Knicks