Seguici su

Boston Celtics

Mercato NBA: Marcus Smart-Boston Celtics, accordo quadriennale da 52 milioni

Smart resta a Boston: 13 milioni l’anno per il super-difensore classe ’94

Smart

La telenovela Marcus SmartBoston Celtics è finita. Il front office biancoverde ha trovato l’accordo con la guardia classe ’94. A Smart andranno 52 milioni di dollari complessivi in 4 anni, come riportato da Shams Charania di Yahoo Sports.

Smart move

I Celtics pagheranno Smart circa 13 milioni l’anno, una cifra che pare congrua visto l’apporto difensivo stellare del giocatore, da una parte, e i limiti offensivi in faretra (a livello di tiro dal perimetro, decision making, visione di gioco ed versatilità in attacco), dall’altra.

Boston si è mossa, come d’abitudine, con grande perizia e cautela. Il GM Danny Ainge e il resto del front office biancoverde hanno temporeggiato per sondare dall’esterno il valore di mercato di Smart. La guardia non ha ricevuto offerte da altre squadre (solo i Memphis Grizzlies e i Brooklyn Nets si sono fatti avanti, ma senza avanzare proposte contrattuali), abbassando così di giorno in giorno il proprio peso “politico”.

Arrivata la diciannovesima giornata di free agency, i Celtics si sono sentiti abbastanza saldi nella propria posizione da avanzare un’offerta contrattuale tutto sommato light, con la consapevolezza che Smart – con le spalle al muro e comunque molto legato alla franchigia del Massachusetts – avrebbe ormai accettato quasi in ogni caso.

Be Smart

Boston continua, a passi misurati ma risoluti, a costruire la vera contender dell’Est per la stagione a venire. Dopo l’esplosione dei giovanissimi Jayson Tatum e Jaylen Brown, la crescita di Terry Rozier, la consacrazione come giocatore di altissimo livello di Al Horford, i previsti recuperi delle star Kyrie Irving e Gordon Hayward, la pesca al Draft 2018 di un prospetto come Robert Williams (possibile steal of the Draft), i Celtics – con la rifirma di Marcus Smart – consolidano ulteriormente un roster già eccellente.

Smart, vera anima dei biancoverdi nelle ultime 4 stagioni (9.4 punti di media in 28.7 punti a partita; ma un contributo “spirituale” incalcolabile), continuerà a incollarsi all’esterno avversario più pericoloso, consentendo alla batteria di stelle Celtics di dare il massimo in attacco e di puntare, chissà, allo scalpo titanico dei Golden State Warriors.

 

Leggi anche:

Kawhi Leonard ai Raptors, DeMar DeRozan agli Spurs

Cousins torna a parlare della decisione di unirsi ai Warriors

Scambio Melo-Schroder sull’asse Thunder-Hawks?

News NBA

Commento

Commento

  1. Giorgio

    19/07/2018 23:58

    Finalmente! Ora “the magnificent seven” sono al completo, pronti a raggiungere le finals! L’unico modo per battere I big five e’ avere dei big seven, non sara’ facile nemmeno arrivarci alle finals, contro Toronto, Philadelphia, Washington e Milwokee, ma quest’anno Boston e’ abbastanza forte per competere con la Splash Company!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Boston Celtics

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.