Seguici su

Boston Celtics

Mercato NBA: Marcus Smart-Boston Celtics, accordo quadriennale da 52 milioni

Smart resta a Boston: 13 milioni l’anno per il super-difensore classe ’94

Smart

La telenovela Marcus SmartBoston Celtics è finita. Il front office biancoverde ha trovato l’accordo con la guardia classe ’94. A Smart andranno 52 milioni di dollari complessivi in 4 anni, come riportato da Shams Charania di Yahoo Sports.

Smart move

I Celtics pagheranno Smart circa 13 milioni l’anno, una cifra che pare congrua visto l’apporto difensivo stellare del giocatore, da una parte, e i limiti offensivi in faretra (a livello di tiro dal perimetro, decision making, visione di gioco ed versatilità in attacco), dall’altra.

Boston si è mossa, come d’abitudine, con grande perizia e cautela. Il GM Danny Ainge e il resto del front office biancoverde hanno temporeggiato per sondare dall’esterno il valore di mercato di Smart. La guardia non ha ricevuto offerte da altre squadre (solo i Memphis Grizzlies e i Brooklyn Nets si sono fatti avanti, ma senza avanzare proposte contrattuali), abbassando così di giorno in giorno il proprio peso “politico”.

Arrivata la diciannovesima giornata di free agency, i Celtics si sono sentiti abbastanza saldi nella propria posizione da avanzare un’offerta contrattuale tutto sommato light, con la consapevolezza che Smart – con le spalle al muro e comunque molto legato alla franchigia del Massachusetts – avrebbe ormai accettato quasi in ogni caso.

Be Smart

Boston continua, a passi misurati ma risoluti, a costruire la vera contender dell’Est per la stagione a venire. Dopo l’esplosione dei giovanissimi Jayson Tatum e Jaylen Brown, la crescita di Terry Rozier, la consacrazione come giocatore di altissimo livello di Al Horford, i previsti recuperi delle star Kyrie Irving e Gordon Hayward, la pesca al Draft 2018 di un prospetto come Robert Williams (possibile steal of the Draft), i Celtics – con la rifirma di Marcus Smart – consolidano ulteriormente un roster già eccellente.

Smart, vera anima dei biancoverdi nelle ultime 4 stagioni (9.4 punti di media in 28.7 punti a partita; ma un contributo “spirituale” incalcolabile), continuerà a incollarsi all’esterno avversario più pericoloso, consentendo alla batteria di stelle Celtics di dare il massimo in attacco e di puntare, chissà, allo scalpo titanico dei Golden State Warriors.

 

Leggi anche:

Kawhi Leonard ai Raptors, DeMar DeRozan agli Spurs

Cousins torna a parlare della decisione di unirsi ai Warriors

Scambio Melo-Schroder sull’asse Thunder-Hawks?

News NBA

Commento

Commento

  1. Giorgio

    19/07/2018 23:58

    Finalmente! Ora “the magnificent seven” sono al completo, pronti a raggiungere le finals! L’unico modo per battere I big five e’ avere dei big seven, non sara’ facile nemmeno arrivarci alle finals, contro Toronto, Philadelphia, Washington e Milwokee, ma quest’anno Boston e’ abbastanza forte per competere con la Splash Company!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Boston Celtics