Seguici su

L.A. Lakers

NBA, Patrick Beverley sospeso per tre partite

Il giocatore dei Lakers paga la spinta da dietro rifilata ad Ayton: non giocando perderà circa 270mila dollari

Patrick Beverley

La NBA ha usato il pugno di ferro con Patrick Beverley: il giocatore dei Lakers è stato sospeso per tre partite dopo aver rifilato una spinta da dietro a Deandre Ayton. La sospensione costerà al gialloviola 270mila dollari di mancati stipendi.

Patrick Beverley sospeso, la NBA: “La sua storia ricca di atti antisportivi”

La NBA non ha voluto farla passare liscia a Patrick Beverly, sospeso per aver spinto Deandre Ayton nella sfida di martedì tra i Lakers e i Suns. Nel comunicato ufficiale la lega – secondo Dave Mc Menamin di ESPN scritto dal vicepresidente esecutivo Joe Dumars – spiega il motivo che ha portato alla sospensione per tre partite del giocatore è stata anche la sua storia ricca di atti antisportivi.

Prima dell’episodio di martedì, Beverley si era già reso protagonista di un’altra spinta: era il 2021 quando durante le finali della Western Conference – lui giocatore dei Clippers – spinse violentemente Chris Paul. Un gesto recidivo che ha portato la NBA a punirlo severamente.

La sospensione gli costerà circa 270mila dollari di stipendio e salterà le due trasferte contro gli Spurs e la gara casalinga contro Indiana di lunedì.

La reazione di Patrick Beverley

Inizialmente Patrick Beverley era pronto ad accettare qualsiasi decisione della NBA, come si legge in un suo tweet:

“È stato molto poco professionale da parte mia, avrei dovuto reagire in maniera diversa. Sono un ragazzo cresciuto ormai: affronterò le decisioni che verranno prese” 

Tuttavia il tono è cambiato dopo la notizia della sospensione, con il giocatore che ha scritto:

“Stanno cercando di rendermi un esempio” 

I Lakers ora dovranno colmare la sua assenza nelle prossime tre partite: in questa stagione Beverley sta viaggiando a una media di 4.1 punti, 3.9 rimbalzi e 2.9 assist a partita.

 

Leggi anche:

NBA, Paolo Banchero fuga ogni dubbio: “L’Italia è nei miei piani. Siamo una squadra forte”

NBA, Steph Curry e il legame con Charlotte: “Talvolta mi immagino con la numero 30 degli Hornets”

Doncic elogia Tatum e Brown: “Sono la miglior coppia della NBA”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in L.A. Lakers