Seguici su

L.A. Clippers

NBA, i Clippers toccano per la prima volta le Western Conference Finals

Un Paul George da leader e un Terance Mann mai così in forma hanno garantito il successo del team

George e Mann

Per la prima volta nella loro storia, i Los Angeles Clippers sono riusciti a raggiungere le Western Conference Finals, che disputeranno contro i Phoenix Suns.

Nonostante l’assenza di Kawhi Leonard, colonna portante nelle rotazioni di coach Lue, la squadra è riuscita comunque ad imporsi ribaltando una partita che ha visto gli Utah Jazz raggiungere un margine di 25 punti di vantaggio.

Grazie al lavoro svolto da Paul George nel gestire il gioco della squadra e specialmente grazie alla mostruosa prestazione di Terance Mann, i Clippers sono riusciti comunque a terminare il match in positivo, sorprendendo non poco i tifosi convinti che la serie potesse raggiungere Gara 7.

Protagonista della partita è stato senza dubbio Mann, autore di 39 punti con 7 triple messe a segno su 10 tentate e un buon 71.4% dal campo.

Un’importante occasione per emergere e lasciare il segno, permettendo alla squadra di vincere una delle partite più importanti dell’anno. Proprio riguardo la sua prestazione, il giocatore ha dichiarato:

“Come ho già detto, sto solo giocando come sempre, tiro quando sono libero, passo la palla per i canestri facili e difendo. É quello che faccio e vengo pagato per questo. Mi fido del lavoro che faccio e quando questo accade, non sei sorpreso di quello che succede.”

Poi ha continuato:

“Non stavo pensando a niente, davvero. Ero concentrato su quello che dovevo fare, difendere Donovan. e Jordan Clarkson. Stavo solo pensando al mio compito in fase difensiva. L’attacco viene da solo finché si ha fiducia nel proprio gioco. Il mio obiettivo era impedire al mio avversario di segnare.”

É stata senz’altro una partita che il numero 14 dei Clippers non dimenticherà tanto facilmente. É stata fondamentale per il successo del team e per questo le congratulazioni anche all’interno dello spogliatoio non sono mancate. Tra i suoi compagni di squadra, Paul George in particolare si è fatto avanti mettendo in evidenza le capacità del giovane Mann:

«TMann era come il mio compagno di sparring. La sua tenacia era ciò che mi serviva per tornare ad un livello d’élite. Ci stiamo sfidando a vicenda. Spero di avergli trasmesso qualcosa. Sta lavorando tantissimo sul suo gioco. E‘ uno dei migliori giovani giocatori con cui sia mai stato in squadra. Mi ricorda molto me stesso, è sempre pronto a dimostrare quanto vale sul campo.”

Il prossimo appuntamento per i Clippers è fissato per domenica 20 giugno (ore 21:30 italiane) contro i Phoenix Suns, anche loro particolarmente lanciati dopo le vittorie contro Los Angeles Lakers e Denver Nuggets.

Le NBA Finals si avvicinano, ma coloro che vi parteciperanno sono ancora da scoprire e le sorprese di certo non mancheranno.

 

Leggi anche:

NBA, Donovan Mitchell e l’eliminazione di Utah: “Fa più male dello scorso anno”

NBA, Tyronn Lue commenta la vittoria contro Utah e il passaggio del turno

Playoff NBA: Mann si traveste da Kawhi e porta i Clippers in finale, Hawks e Sixers vanno a Gara-7

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in L.A. Clippers