Seguici su

Golden State Warriors

NBA, i Pelicans difendono su Curry… spegnendo le luci!

Per difendere un giocatore simile bisogna essere creativi

stephen curry

Marcare Stephen Curry è un compito difficile per chiunque. Il due-volte MVP dispone infatti di un incredibile arsenale dal punto di vista offensivo: può tirare da quasi ogni distanza, sa muoversi senza palla, finalizzare in area e convertire tiri liberi con percentuali da cecchino. Il #30 di Golden State diventa poi inarrestabile quando trova il ritmo sul parquet; sarà per questo motivo che i New Orleans Pelicans, ultimi avversari di Chef Curry, sono stati protagonisti di un incidente che potrebbe aver influenzato il corso della partita a loro favore.

Con 4 minuti rimanenti nel terzo quarto è successo infatti un episodio alquanto strano: le luci dello Smothie King Center si sono spente proprio mentre il playmaker stava tentando un tiro dall’arco.

Nonostante l’involontarietà del gesto (sicuramente un problema tecnico), il “trucco” ha funzionato. Dal momento del cortocircuito, infatti, Curry ha messo a referto un insolito 1-11 al tiro.

Lo stesso Curry ha poi parlato dell’accaduto ai microfoni di NBCS:

Non ho mai visto nulla di simile. Hanno provato a farmi dire che avessi tirato prima che le luci si spegnessero. È una situazione strana, perché [prima del problema tecnico] stavamo giocando molto bene, ma dopo abbiamo avuto dei problemi offensivamente. Ma in generale è stata una partita complicata.

A quanto pare togliere la luce è l’unico modo per fermare un giocatore simile.

Leggi anche:

NBA, Stephen Curry e Julius Randle sono i giocatori del mese di aprile

Corner Three #8: Top e Flop della settimana

NBA, Draymond Green: “Le squadre avverarie sono terrorizzate da Steph”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors