Seguici su

L.A. Clippers

NBA, Tyronn Lue sulla rivalità Rondo-Paul: “Sono la stessa persona”

Il coach dei Clippers potrebbe avere ragione

lue

Nonostante siano passati molti anni dal lontano 2008, la lite tra due dei playmaker (nel vero senso del termine) più brillanti dei nostri tempi non accenna ad affievolirsi; Rajon Rondo e Chris Paul sono infatti ai ferri corti da più di un decennio e la situazione non sembra destinata a cambiare.

La rivalità, nata in seguito ad uno snob dell’ormai ex-Celtics in favore di CP3 per Team USA, si è poi arricchita di nuovi capitoli nel corso degli anni, tra cui è necessario ricordare la rissa scoppiata allo Staples Center, nata proprio da un confronto molto aggressivo tra i due. Con il passare degli anni la situazione è diventata sempre più grottesca (e a tratti comica), con entrambe le parti convinte a non mollare neanche un centimetro rispetto all’avversario.

Tyronn Lue, che ha allenato entrambi i playmaker durante la sua carriera, ha cercato di fornire una spiegazione adeguata della controversia. Secondo Lue (intervistato da Tomer Azarly), il vero problema sarebbero le personalità di entrambi i giocatori, a suo parere troppo simili:

Penso che quando giochi contro te stesso, avrai sempre un problema. Questi due [Rondo e Paul] sono playmaker vecchia scuola, che odiano perdere e dominano il gioco con i loro passaggi. Semplicemente, odiano perdere.

Sono la stessa persona. Quando competi contro di te si creano dei litigi e penso sia quello che è successo con questi giocatori. So che il rispetto non manca di certo, per quello che questi ragazzi hanno fatto nella lega e durante le loro carriere.

Entrambi odiano perdere e competono ad altissimi livelli.

Anche se la spiegazione potrebbe sembrare banale, l’allenatore dei Clippers potrebbe aver ragione. Rondo e Paul non sono di certo noti per avere delle personalità leggere ed il loro spirito competitivo non è secondo a nessuno.

Con la regular season ormai al termine saranno i Playoff a decretare il vincitore di un altro capitolo di questa lite ormai decennale.

Leggi anche:

NBA, Chris Paul porta Phoenix ai Playoff: “So chi sono e cosa posso fare”

Risultati NBA: Kevin Porter Jr. affossa i Bucks con 50 punti, troppo Durant per i Pacers

NBA, Jeanie Buss racconta di quando Chris Paul fu ad un passo dai Lakers

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in L.A. Clippers