Seguici su

News NBA

NBA, taglio del salary cap per la prossima stagione

La riduzione oscillerebbe tra i 3 e i 12 milioni

Adam Silver on salary cap 2016-2017

Il Covid-19 ha colpito e affondato l’industria NBA. La pandemia ha provocato un vuoto nelle casse delle franchigie stimabile in circa un miliardo e mezzo di dollari. Questa immensa somma deriva dalla combinazione di diversi fattori, come ad esempio la cancellazione di 171 partite di regular season e gli introiti venuti a mancare a causa dell’assenza di pubblico. E le previsioni per la stagione 2020/2021 non sono di certo rassicuranti.

Il prossimo campionato, che dovrebbe partire il 22 dicembre, potrebbe svolgersi in formato ridotto, ovvero con 72 partite. E con ogni probabilità gli spalti rimarranno vuoti, silenziosi, desolati per l’intera annata. Niente pubblico significa niente entrate massicce. Per far fronte a questa preoccupante situazione e per abbassare i costi, la lega approverà il taglio del salary cap. Non c’è ancora una soluzione concreta, ma secondo quanto riportato da Connor Letourneau del San Francisco Chronicle la riduzione si aggirerà tra i 3 e i 12 milioni di dollari.

Con un salary cap fermo a 109 milioni, questo taglio potrebbe rivelarsi estremamente salutare. Un’idea più concreta del calo effettivo potrebbe arrivare nelle prossime settimane e certamente verrà entro il 18 novembre, giorno in cui si svolgerà il Draft 2020. Per le franchigie sarebbe impossibile effettuare e programmare scambi senza una direzione certa riguardo il salary cap.

 

Leggi anche:

NBA, Il torneo Play-In potrebbe tornare nella prossima stagione

Mercato NBA, Danny Green: Sarà difficile riportare tutti i free agent ai Lakers

NBA, Hakeem Olajuwon sul GOAT: LeBron? No, Jordan è molto superiore

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA