Seguici su

L.A. Lakers

NBA Finals, la vittoria di LeBron James stabilisce un altro record, finora nessuno come lui

LeBron James l’unico ad aver condotto i Playoffs con una media di 25+ punti in tre squadre diverse nel loro anno vincente. Semplicemente Il Re

LeBron James

Con la definitiva vittoria in Gara 6 contro i Miami Heat, i Los Angeles Lakers sono ufficialmente i campioni NBA della stagione 2019-2020.

Protagonista indiscusso della partita è LeBron James che, con una tripla doppia da 28 punti, 14 rimbalzi e 10 assist, ha vinto anche il meritato MVP delle Finals.

La vittoria di questi Playoffs porta alla franchigia gialloviola il 17esimo titolo vinto, ormai a pari merito con i rivali storici Boston Celtics. Per quanto riguarda James, invece, questo è il suo quarto anello vinto all’età di quasi 36 anni. Un traguardo storico che rimarrà segnato nelle pagine dell’NBA.

Durante l’avanzata nella postseason, LeBron James ha migliorato notevolmente le sue statistiche, riuscendo a rimanere costante anche nelle partite più difficili. In questo modo, ha superato nelle classifiche All-Time molti giocatori prima di lui e tra i tanti record raggiunti, ce n’è uno in particolare che detiene solo lui. King James, infatti, è l’unico giocatore della storia della NBA ad aver giocato con una media di oltre 25 punti a partita con tre diverse squadre nell’anno in cui sono risultate vincitrici del campionato. Ovviamente si sta parlando degli anni ai Miami Heat, Cleveland Cavaliers e ai Los Angeles Lakers, mai nessuno prima di lui ci era mai riuscito e, in futuro, sarà senza dubbio molto difficile riuscire a raggiungerlo.

Nella vittoria del primo titolo in carriera con gli Heat, nella stagione 2011-2012, James ha giocato con una media di 30.3 punti, 9.7 rimbalzi e 5.6 assist in 23 partite giocate. Le Finals hanno visto affrontarsi il leggendario trio di South Beach contro gli Oklahoma City Thunder, sconfitti in 5 partite.

L’anno successivo il numero 23 ha subito un leggero calo, registrando comunque una media impressionante di quasi 26 punti, 8.4 rimbalzi e 6.6 assist in 23 partite giocate nei playoff NBA del 2013. In quell’anno, sempre alla guida degli Heat, i rivali delle Finals sono stati i San Antonio Spurs, che in una serie tirata fino a gara 7 non sono riusciti ad impedire il back to back degli avversari.

Negli anni in Ohio, invece, James ha concluso la stagione con una media di 26.3 punti, 9.5 rimbalzi e 7.6 assist in 21 partite. Nei Playoffs del 2016, i Cavaliers hanno dovuto sfidare i Golden State Warriors, lanciatissimi per l’ottima regular-season conclusa con un record 73-9. Alla fine i Cavs hanno avuto la meglio riuscendo a recuperare una serie in svantaggio per 3-1. Le Finals che hanno conferito il terzo titolo a LeBron James, per molti sono state sono state indimenticabili, tra le migliori di sempre. 

Quest’anno, con la maglia dei Los Angeles Lakers, il 16 volte All-Star ha giocato dei Playoffs sensazionali da 27.6 punti, 10.8 rimbalzi e 8.8 assist in 21 partite. 

Ora che la stagione è finita King James potrà staccare la spina e riabbracciare finalmente la sua famiglia.

La stagione che quest’anno i Lakers hanno portato a termine, complici soprattutto le dinamiche in cui sono state giocate, rimarrà certamente nella storia del basket. Mentre LeBron è destinato a rimanere per sempre un’icona di questo sport, dentro e fuori dal campo.

Leggi anche:

NBA Finals, Adam Silver omaggia i Lakers: il discorso del commissioner

LeBron James MVP delle NBA Finals 2020: “Volevo rispetto”

NBA, Jimmy Butler dopo la sconfitta: “Torneremo alle Finals, ve lo assicuro”

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in L.A. Lakers