Seguici su

Boston Celtics

NBA, Marcus Smart si scontra con i compagni dopo la sconfitta

Il giocatore dei Celtics è stato sentito alzare la voce all’interno degli spogliatoi dopo la sconfitta dei suoi in Gara 2

In finale di Conference qualsiasi errore può costare la partita, ed è dura perdere un incontro che sembrava essere in pugno. Lo sa bene Marcus Smart, il quale è stato sentito urlare all’interno dello spogliatoio dopo la fine della partita.

Il giocatore dei Celtics è stato sentito da più fonti gridare, prendendosela con i suoi compagni, probabilmente ancora scottato dalla sconfitta subita in Gara 2 dalla sua squadra. E non è finita qui, secondo Malika Andrews di ESPN, all’interno dello spogliatoio si è sfiorata la rissa, e sono stati lanciati oggetti da qualcuno.

Ci si aspettava che qualcuno alzasse i toni per mantenere la tensione alta, e probabilmente Smart è anche il più indicato per caricare la squadra, ma è possibile che all’interno degli equilibri della squadra qualcosa si sia rotto. E a proposito dell’accaduto sono intervenuti sia Kemba Walker che Jaylen Brown:

“Non è successo niente, assolutamente niente. E non ho intenzione di parlarne.”

“Ci sono alti e bassi come in tutte le famiglie, ma dobbiamo apprezzare gli altri per come sono fatti. Marcus è fatto così, e io lo apprezzo, gli voglio bene. Dobbiamo essere pronti a recuperare e utilizzare lo stesso fuoco per vincere Gara 3.”

Il playmaker di Boston sembra aver accusato di più l’accaduto, e si è limitato a poche parole, dopo che un paio di giorni fa, aveva già sottolineato il suo scarso rendimento in Gara 1.

Dall’altra parte è stato bravissimo Jimmy Butler a leggere la situazione e capire che qualcosa non andava in campo avversario, e ne ha approfittato per realizzare un paio di giocate decisive che hanno assicurato la vittoria ai suoi. 3 delle palle rubate nel secondo tempo sono state infatti effettuate da lui.

Anche Enes Kanter ha voluto commentare l’accaduto con queste parole:

“Ci sono troppi rumors di m… in giro, questo gruppo di ragazzi è uno dei migliori che io abbia mai visto. Nessuno può distruggere la nostra famiglia. Continuiamo a combattere e a lavorare”

Nel frattempo, i Celtics sperano nel ritorno di Gordon Hayward, dopo i buoni risultati negli allenamenti di mercoledì. Dovrebbe lavorare di più sul campo nei giorni successivi con la prospettiva di giocare Gara 3, il prossimo Sabato.

 

Leggi anche:

Griffin e Derrick Rose non parteciperanno ai workout dei Pistons

Playoff NBA: Miami rimonta Boston e vola sul 2-0!

NBA, Steve Nash e i Nets: “Non sono un mago della tattica”

Commento

Commento

    Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertisement
    Advertisement
    Advertisement

    Altri in Boston Celtics