Seguici su

Indiana Pacers

NBA, Oladipo: “Ho ancora tantissimo da dimostrare”

Oladipo ha detto che tornerà più forte di prima dopo l’ultimo infortunio patito al ginocchio

oladipo

Victor Oladipo, stella degli Indiana Pacers, ha rilasciato alcune dichiarazioni sulla sua stagione iniziata verso gennaio dopo essere rimasto ai box da diverso tempo poiché si stava riprendendo da un terribile infortunio al tendine del ginocchio. Prima di questo grave problema fisico, Oladipo stava vivendo il miglior momento della sua carriera. Dopo essere passato ai Pacers nell’affare Paul George, il nativo del Maryland ha dimostrato a tutta l’NBA il suo talento. Durante l’attuale stagione Oladipo era riuscito a scendere in campo in 13 occasioni e stava pian piano ritrovando il suo ritmo.

Oladipo è ben consapevole che ci sia ancora diversa strada davanti a sé da percorrere per diventare, un giorno, una delle stelle di questa Lega. In una intervista rilasciata ai microfoni di The Athletic ha detto quanto segue:

“Alla fine vorrei che il mio nome fosse tra quelli dei più grandi. Quando mi sono infortunato non è finito niente. La mia legacy non si è fermata. Immagino che diresti che quest’infortunio è solo un ostacolo sulla strada. Ma molto tempo fa qualcuno mi disse che se la strada che stai percorrendo è facile, allora sei sulla strada sbagliata.”

“Voglio che il mondo intero si ricordi del mio nome, è per questo che scendo in campo ogni sera. Oggi non sento di avere ancora il rispetto che merito, e va bene, lo capisco, sono stato lontano dai campi più di un anno e ho ancora molto da dimostrare. Per questo che tornerò più forte di prima, perché ho ancora dei conti in sospeso. Ho degli obiettivi da raggiungere e li raggiungerò. Mi ricordo quando nessuno sapeva chi fossi: è stata quella la spinta che mi ha fatto lavorare più duro di qualsiasi altro, e ancora oggi credo non ci sia un singolo giocatore che lavora più di me in palestra. Perché lo faccio? Perché voglio essere una leggenda”.

 

LEGGI ANCHE:

L’NBA Café di Barcellona chiude definitivamente causa Coronavirus

NBA, Doc Rivers su LeBron James: “A differenza di Jordan è stato subito sotto pressione”

La NBA Hall of Fame 2020 a rischio rinvio: “È una possibilità”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Indiana Pacers