Seguici su

Curiosità

I 14 giocatori che hanno vinto di più nella storia NBA

Fra titoli NBA, MVP delle finali ed MVP della regular season vediamo chi sono i quattordici giocatori più vincenti della storia NBA

Fra tifosi NBA si discute spesso di vari argomenti: chi sia il giocatore più forte di sempre, quali siano i what if più grandi della storia, quali siano i migliori film sul pallacanestro e quali siano invece i migliori libri sul basket. Fra tutti questi argomenti, quindi, a volte ci si dimentica di una domanda piuttosto fondamentale: chi è il giocatore più vincente nella storia della NBA?

Dopo esserci chiesti chi sia stato l’MVP meno pagato della storia NBA, ci siamo fatti anche questa domanda, alla quale abbiamo risposto nei paragrafi seguenti. Il risultato è la classifica dei quattordici giocatori che hanno vinto di più in carriera, tenendo conto dei soli successi in NBA e dei 6 trofei più prestigiosi della lega: il titolo NBA, il premio di MVP delle Finals, il premio di MVP della regular season, l’MVP dell’All-Star Game, il premio di NBA Defensive Player Of the Year e il Rookie Of the Year.

I conteggi per ogni giocatore sono poi raccolti in una tabella nella quale abbiamo inserito anche le stagioni in cui ogni giocatore ha ottenuto un determinato premio, a titolo di completezza. Fatte queste brevi premesse, non ci resta andare a vedere di chi si tratta. Pronti? Cominciamo.

 

14. John Havlicek

Havlicek

credits to: nba.com

 

Palmarès NBA

TitoloAnno
8 volte Campione1963-66, 1968, 1969, 1974, 1976
1 volta MVP delle Finali1974

 

La nostra classifica si apre con il quattordicesimo posto, dove troviamo John Havlicek, che in carriera ha portato a casa 9 trofei, tutti con la casacca dei Boston Celtics. La leggenda, scomparsa ad aprile 2019, è l’unico giocatore della storia ad aver vinto tutte le Finali NBA disputate, detenendo un ancora imbattuto record di 8 vittorie e 0 sconfitte. Tra l’altro, ha vinto i suoi primi 4 titoli nelle sue prime 4 stagioni nella lega. Da ricordare poi le 13 nomine all’All-Star Game, così come le 4 inclusioni nell’All-NBA First Team e le 7 inclusioni nell’All-NBA Second Team.

LEGGI ANCHE: L’NBA dei nostri nonni – John Havlicek, “Hondo”

 

13. Wilt Chamberlain

Wilt Chamberlain

(credit to sporting news.com)

Palmarès NBA

TitoloAnno
2 volte Campione1967, 1972
1 volta MVP delle Finali1972
4 volte MVP della regular season1960, 1966-68
1 volta MVP dell’All-Star Game1960
Rookie Of the Year1960

 

Come John Havlicek, anche Wilt Chamberlain ha vinto un totale di 9 trofei personali in carriera. Con la maglia dei Los Angeles Lakers ha vinto un titolo NBA e annesso MVP delle Finali; con i Philadelphia 76ers 3 titoli di MVP della regular season e il titolo NBA nel 1967; tutti gli altri premi sono invece arrivati con la maglia dei Philadelphia/San Francisco Warriors. Non entrano nella tabella qui sopra le 13 nomine all’All-Star Game, le 7 inclusioni nell’All-NBA First Team, le 7 stagioni da leader per punti della lega e le 11 volte da leader in rimbalzi. D’altro canto, le medie della sua carriera recitano 30.1 punti e 22.9 rimbalzi a serata; è poi l’unico giocatore nella storia ad aver fatto registrare una media di almeno 50 punti a partita, con i suoi 50.4 a partita nella stagione 1961-62. Infine da non dimenticare un record che rimarrà probabilmente imbattibile, ovvero i 100 punti segnati in una singola partita (fatti registrare nel marzo del 1962).

 

LEGGI ANCHE: L’NBA dei nostri nonni – Wilt Chamberlain, “Larger Than Life”

Precedente1 di 9
11 Commenti

11 Comments

  1. Giovanni

    06/04/2020 19:39

    Bill Russell è il numero 1, fortemente penalizzato dal fatto che il titolo di MVP delle Finals è arrivato solo nel suo ultimo anno nella lega, o avrebbe 10 titoli in più…

    • marco

      12/04/2020 00:49

      Quoto al 200%

  2. Alessandro

    07/04/2020 11:05

    Bill Russell non ha mai, mai, mai vinto un Larry O’Brien Trophy. Ha vinto prima un trofeo innominato e poi il Walter A. Brown Trophy. Ma comunque era lo stesso che veniva rimesso in palio, quindi è come se ne avesse vinto uno solo.

  3. Stefano

    07/04/2020 13:47

    Quelli che contano alla fine sono i titoli, e Bill Russell ha più anelli che dita..il resto è contorno…

    • Andrea

      08/04/2020 12:31

      Nn contano solo i titoli anche perché a quei tempi bill Russell aveva un vero solo avversario:Chamberlin. Jordan invece ha affrontato l’era d’oro dell’NBA,vincendo contro tutto e tutti e contro squadre fortissime. Ha portato il basket davvero dappertutto nel mondo e negli anni 90 era il vip più famoso del mondo in assoluto. Ancora oggi è ricordato per aver portato il basket al livello più alto che si sia mai visto. Irrangiungibile

      • marco

        12/04/2020 00:42

        ma che stai dicendo ?
        grandissimo Jordan ma dire che rivali grandissimi erano i Balzers ( Drexler e poco più ) …..
        pensa ai veri anni d’ oro ( 80 ) con le corazzate Celtics e Lakers e per contorno i Sixers di
        Doctor J e Malone ….

      • marco

        12/04/2020 00:53

        Va a controllare in quei lakers ( di Chamberlain ) c’ erano almeno altri 2 hall of famers ( Baylor e mister logo Jerry West ) …. non parliamo tanto per parlare : di un po’ quale rivale dei Bulls ha avuto un giocatore del livello di questi tre ?

      • Giovanni

        15/04/2020 23:37

        Jordan e’ indiscutibilmente grande. Le classifiche poi a questo livello lasciano il tempo che trovano. Però e’ vero che gli anni 80 sopratutto ad est per il valore delle squadre sono statI irripetibili. I Celtics di Parish Bird machale Walton Kevin Johnson etc…. i Philadelphia di Malone cheeks Erving e poi Barkley, i Bucks di moncrief lanier e i super Pistons targati Thomas e bad boys. In quel periodo i Bulls di Jordan non hanno vinto. È vero che Jackson arrivò a fine anni 80 però prima con i Celtics e poi tre volte di fila con i Pistons andarono a casa. Poi negli anni 90 hanno dominato ma quella è un’altra storia. Sul resto è sul valore assoluto di Jordan nulla da dire.

  4. Andrea

    26/05/2020 18:43

    Indiscutibilmente grande?? Voi avete la minima idea di cosa siano stati i Bulls di MJ? nello sport in generale non c’è mai stata e probabilmente mai ci sarà una DocuSerie come “The Last Dance”, poco importa se alcuni fatti nella narrazione siano stati storpiati ( enfatizzando il contenuto senza modificare l’effetto di ciò che è accaduto poi realmente ). I BC hanno vinto in un periodo in cui l’NBA si interrogava ancora quale strada potesse prendere come Major la Lega a livello mondiale. Con il suo patrimonio da 2.1 mil di dol. È tra i 5 uomini di colore più ricchi d’America, colui che incassa ancora oggi 140 mil di dol. annui dalla Nike (per farci intendere CR7 che ha all’attivo il primato mondiale del web ne incassa la metà ogni anno) fumandosi sigari e bevendo Tequila prodotta dalla sua società che costa 1600 dol.!!!! È l’unico VIP al mondo a non essere sui social ( anche Papa Francesco con la Santa Chiesa è presente). Fate voi i conti… Ah dimenticavo, la DocuSerie ha già ottenuto il primato storico su Netflix, battendo le invenzioni cinematografiche.

  5. Gabri

    10/06/2020 14:15

    Cosa c’entra l’Mvp all’all star game che e’ una pagliacciata.

  6. Emanuele

    13/06/2020 06:20

    Nulla da dire sulle prime tre posizioni…
    Ma più indietro correggerei qualcosa…

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Curiosità