Seguici su

Curiosità

I 10 giocatori NBA costretti al ritiro troppo presto

Il ritiro è sempre uno dei momenti più tristi quando si parla di una Superstar dell’NBA e dello sport in generale. Ancor più triste è però il ritiro forzato, dettato da infortuni o situazioni difficili che impediscono il proseguo della carriera.

La tristezza di assistere al ritiro di un giocatore è sempre molto forte. Nel giro di 5 anni l’NBA ha perso in rapida successione leggende come Tim Duncan, Kevin Garnett, Dirk Nowitzki, Kobe Bryant, Dwyane Wade, Ginobili e Ray Allen. Sono solo alcuni dei nomi illustri che il basket è costretto, per gli anni che avanzano, a veder svanire dai parquet dei palazzetti.

Ancor più triste è però assistere al ritiro di giocatori che quel ritiro non lo volevano affatto, costretti da infortuni o da vicende personali a smettere più o meno definitivamente con la pallacanestro. C’è chi è tornato e ce l’ha fatta, chi è tornato e ha fallito, chi, ormai troppo lontano dai ritmi del gioco, non ha mai più ritrovato lo splendore di un tempo. Andiamo a scoprire coloro che hanno detto addio all’NBA davvero troppo presto.

 

10. Jamal Mashburn

Jamal Mashburn

Sei nella tua migliore stagione della tua carriera in NBA e tutto sembra perfetto: 21.6 punti di media in 82 partite giocate, convocazione all’All-Star Game, Giocatore del Mese a marzo e l’inserimento nell’All-NBA Third Team. Quella di Jamal Mashburn sembra una favola moderna, ma è destinata a trasformarsi in un incubo. Nel bel mezzo del suo prime la stagione 2002-03 sarà l’ultima giocata ad alti livelli poiché l’anno successivo si ritroverà a disputare appena 19 incontri per un infiammazione cronica al ginocchio destro.

Deciderà poi di saltare l’intera stagione 2004-05 per recuperare completamente dall’infortunio, sottoponendosi ad un intervento di microfrattura (lo stesso intervento a cui andarono incontro, tra i tanti, Jason Kidd, Tracy McGrady e Amar’e Stoudemire). Non riuscì mai a riprendersi (come talvolta accade in questo tipo di interventi) e, seppur scambiato da Memphis a Philadelphia, chiuse la sua carriera a soli 32 anni.

Precedente1 di 10
Commento

Commento

    Commenta

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

    Advertisement
    Advertisement
    Advertisement

    Altri in Curiosità