Seguici su

Chicago Bulls

NBA, i Bulls confermano la fiducia a Jim Boylen

Prima intervista dal Media Day per il dirigente John Paxson

bulls

La vittoria contro i Clippers, la decima di stagione per i Bulls, dà respiro allo staff di coach Jim Boylen.

Prima della sfida casalinga contro L.A., la dirigenza di Chicago aveva confermato la guida tecnica. Così John Paxson ai microfoni di The Athletic:

“Non sono qui a dare i voti, davvero. Ciò che posso dirvi è che siamo legati a Jim. Non è cambiato nulla, gli abbiamo dato un contratto in estate. Non c’è una soluzione rapida alla situazione attuale. Cambiare per il gusto di cambiare  spesso non porta a risultati […]. Abbiamo una squadra giovane […], vedo il piano di sviluppo individuale che [lo staff] ha in mente per i giocatori. Sono tranquillo da questo punto di vista[…]. Non siamo dove vorremmo o ci aspetteremmo di essere, non è un segreto.”

COSTANZA

Bulls con altri obiettivi dopo il primo quarto abbondante di stagione. Il punto di Paxson:

Sentivamo la necessità di metterci alla prova ponendo come target la lotta per un posto ai Playoff. Con cinquanta e più partite da giocare, non sai mai cosa può succedere, ma non stiamo giocando a quel livello […]. Ho sottovalutato [la difficoltà] nell’implementare un nuovo sistema. Quando si sta imparando non è facile giocare d’istinto, ma non sto cercando scuse […]. Manca costanza e quest’aspetto ci è costato caro […]. Il coach è aperto a idee e feedback […] mi chiede di essere onesto nei giudizi ed è molto ricettivo. Dobbiamo dare tempo a ogni staff.”

Leggi anche:

NBA: Doncic out, Dallas perde al supplementare con Miami

Gary Payton consiglia gli Warriors: “Curry e Thompson non devono giocare”

NBA Confidential: intervista a Nicolò Melli

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Chicago Bulls