Seguici su

Curiosità

LeBron James esulta per la vittoria di Bronny: “E chiedo scusa a mia mamma…”

Il giocatore dei Lakers ha assistito alla vittoria della squadra del figlio su Saint Vincent-Saint Mary’s – l’high school dove ha giocato da giovane proprio James

lebron bronny james

Nella notte Bronny James, figlio di LeBron James, ha vinto contro Saint Vincent-Saint Mary’s, l’high school in cui ha giocato ed è cresciuto papà. Il piccolo James è stato anche determinante nel finale quando ha rubato una palla e realizzato il layup del definitivo 59-56 per Sierra Canyon. LeBron, seduto in prima fila per supportare Bronny, si è detto particolarmente felice della vittoria del figlio:

“Io ero molto più nervoso e teso rispetto a lui. Essere qui a bordo campo per me, la mia famiglia e per lo stesso Bronny è qualcosa di incredibile. Davvero una sensazione unica. L’unica cosa che mi manca, di continuo, è la famiglia. Ogni volta che sono via, che sono fuori o lontano, non vedo l’ora di tornare ad abbracciarli. Non dimenticherò mai il privilegio e la fortuna di aver assistito assieme alla mia famiglia a uno spettacolo del genere.”

Bronny è stato anche nominato MVP del match grazie ai suoi 15 punti messi a referto (career high per lui nel periodo da liceale) in diretta TV Nazionale. LeBron, ai microfoni di ESPN, ha poi voluto chiedere scusa anche a sua madre dopo essere stato visto in più riprese ad urlare a bordocampo per incitare Bronny:

“Sì, devo chiedere scusa a mia madre perché quando giocavo durante il periodo dell’High School, lei era una delle persone più rumorose sugli spalti. Impazziva sempre con i miei avversari, con gli arbitri, con il mio allenatore e i miei compagni di squadra. Dicevo sempre a mia mamma: ‘Abbassa la voce. Cosa stai facendo mamma?! Mi stai mettendo in imbarazzo’. Le chiederò scusa. Ora capisco cosa si prova quando tuo figlio è su un campo da basket.”

 

LEGGI ANCHE:

NBA, infortunio per Eric Bledsoe

NBA, La dieta particolare di Andre Drummond

NBA, i Bulls confermano la fiducia a Jim Boylen

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Curiosità