Seguici su

Houston Rockets

NBA, James Harden fa 60 punti in tre quarti contro gli Hawks!

L’asso degli Houston Rockets ha realizzato 29 punti nel solo terzo quarto per completare una prestazione davvero irreale

Harden

Incredibile, irreale prestazione da parte di James Harden. L’asso degli Houston Rockets, infatti, nella notte NBA appena trascorsa ha messo a referto 60 punti in 3 quarti nella larga vittoria per 158-111 contro gli Atlanta Hawks. Si tratta dalla quarta partita da 60 punti nell’intera carriera del giocatore che ha raggiunto Michael Jordan al terzo posto in questa speciale graduatoria. Nessun giocatore attualmente in NBA ha registrato più di un 60-point game, solo Kobe Bryant (6 volte) e Wilt Chamberlain (32 volte) hanno fatto di più.

L’ex MVP del 2017, nel match contro Atlanta, ha raggiunto quota 60 in tre quarti dopo averne realizzati 29 nel solo terzo parziale. Harden ha chiuso la partita con 16 su 24 al tiro (di cui 8 su 14 dall’arco) e 20 su 23 dai tiri liberi in 31 minuti sul parquet. I 60 punti in 24 tentativi rappresentano un altro record per la guardia dei Rockets: mai nessuno era riuscito a realizzare 60 punti con così pochi tiri dal campo. In precedenza, Karl Malone, il 27 gennaio 1990, aveva raggiunto quota 60 con 26 tentativi.

Minor numero di tiri tentati in una partita 60 punti

DATA GIOCATORE SQUADRA AVVERSARIO TENTATIVI PUNTI
Nov. 30 2019 James Harden Rockets Hawks 24 60
Gen. 27 1990 Karl Malone Jazz Bucks 26 61
Gen. 30 2018 James Harden Rockets Magic 30 60
Dic. 25 1984 Bernard King Knicks Nets 30 60
Dic. 20 2005 Kobe Bryant Lakers Mavericks 31 62

Il giocatore è arrivato vicino anche a superare il suo career high, 61 punti, realizzato contro San Antonio il 22 marzo scorso. Nel corso della partita sul megaschermo dell’Arena è stato segnalato che Harden era a soli 2 punti dal fissare il suo nuovo massimo in carriera. Successivamente il numero 13 è stato inquadrato dalle telecamere lasciandosi andare ad un ironico:

“Ero così vicino!”

Nel post partita il Barba ha quindi commentato l’episodio, senza invece volersi concentrare troppo sulla particolarità dei suoi 60 punti in tre quarti:

“Sì, in quel momento stavo giocando un po’ con i tifosi, ma onestamente non sapevo fossi così vicino. Abbiamo invece giocato davvero una bella partita in quei 3 quarti, quindi era giustamente un’opportunità per altri ragazzi di poter giocare sul parquet, se lo sono guadagnato allenandosi tutti i giorni.”

 

LEGGI ANCHE:

NBA, I Milwaukee Bucks raggiungono 10 vittorie di fila

Risultati NBA: Harden da urlo, Houston strapazza Atlanta. Vittorie anche per Bucks, 76ers e Kings

NBA, Lakers: La decima vittoria di fila ha un retrogusto speciale

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Houston Rockets