Seguici su

Curiosità

Guida ai migliori meme sulla NBA del 2018

Una breve guida per utilizzare al meglio i cinque meme più famosi del 2018

Precedente1 di 5

Nel 2018 sono successe cose molto strane in NBA: Jimmy Butler che mette a ferro e fuoco la palestra durante gli allenamenti pur di farsi scambiare; gli Houston Rockets che utilizzano un fantomatico tunnel segreto per confrontarsi con alcuni giocatori dei Clippers all’interno del loro spogliatoio; Bryan Colangelo che perde il posto di GM dei Philadelphia 76ers per aver utilizzato alcuni account fake di Twitter à la Kevin Durant.

L’anno che si è appena concluso ci ha così fornito una grande quantità di blank meme  – letteralmente “meme in bianco”, ovvero meme spogli pronti all’uso – a tema NBA per i tifosi delle 30 franchigie della Lega. Oltre a quelli appena citati, gli esempi più immediati sono la GIF che ritrae la risata di Kawhi Leonard al media day dei Toronto Raptors, oppure la foto che immortala LeBron James alle prese con il clamoroso errore di JR Smith in Gara-1 delle Finali NBA.

Per questo motivo abbiamo pensato di stilare una breve guida sui migliori meme a tema NBA per chiudere l’anno, seguendo due semplici regole:

– sono stati selezionati solamente blank meme, dunque GIF, immagini o brevi video nudi e crudi, così come si sono presentati ai nostri occhi la prima volta che li abbiamo visti;

– il criterio di scelta è la flessibilità: per essere considerato tale, un meme deve essere virale, ma allo stesso tempo non deve perdere il suo significato originario una volta estrapolato dal contesto. Dunque deve essere flessibile, adattarsi a varie situazioni.

Insomma, per farla breve, ecco di seguito la guida ai cinque migliori meme della NBA del 2018, dei quali abbiamo illustrato le origini, a quali situazioni di tutti i giorni possono riferirsi e in quali contesti possono essere utilizzati.

Lo sguardo di Victor Oladipo

 

 

Origine

Quello di Victor Oladipo che guarda dritto nella telecamera è forse il meme più “malleabile” del 2018, poiché si adatta a una miriade di contesti diversi.

Per spiegare il perché bisogna tornare ai primissimi giorni del 2018, precisamente all’ 8 gennaio 2018, quando gli Indiana Pacers sfidano in casa i Milwaukee Bucks. In un’azione della partita Victor Oladipo penetra verso l’area, ma non riesce a concludere a canestro poiché Eric Bledsoe commette fallo ai suoi danni. Dipo cade sul parquet, stendendosi a pancia in giù, lasciando trasparire tutto il suo disappunto in quattro passaggi fondamentali:

– inizialmente rimane immobile a terra, con gli occhi chiusi: è il momento in cui il giocatore realizza cosa è appena successo;

– la guardia dei Pacers solleva poi la testa, sospirando e guardando dritto di fronte a sé: in questi istanti lascia intravedere un minimo di rabbia per non essere riuscito a terminare l’azione;

– si gira poi alla sua sinistra scuotendo la testa, quasi voglia esprimere il suo rammarico agli altri giocatori in campo;

– infine guarda dritto nella telecamera, continuando a scuotere la testa.

È con l’ultimo passaggio che il meme diventa tale, poiché lo sguardo di Oladipo risulta sincero, diretto, di comprensione talmente immediata da diventare un perfetto blank meme per i tifosi NBA.

Quale situazione di tutti i giorni può ritrarre

La GIF di Oladipo coglie dunque tutti i passaggi che affrontiamo quando ci accade qualcosa di sgradevole, e per questo possiamo trovare decine di esempi diversi nella vita di tutti giorni. La sveglia alle 7:00 del lunedì mattina, la fila alle poste e l’essere rimandati al prossimo appello di matematica sono tutti eventi che ci fanno sospirare, scuotere la testa e fissare un preciso punto del nostro campo visivo.

In quale contesto può essere utilizzato

Come detto in precedenza, i contesti nei quali questo meme si adatta alla perfezione sono innumerevoli. Se volete andare sul sicuro, in risposta alla vostra fidanzata appena vi manda la foto di due biglietti per un concerto a cui non volete assolutamente andare. Se vi ama davvero, lei vi capirà e alla fine vi ci porterà comunque.

 

LEGGI ANCHE: Sette curiosità su Victor Oladipo

 

Precedente1 di 5
Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Curiosità