Seguici su

New York Knicks

NBA, David Fizdale: “Porzingis sarà un leader”

L’head coach dei New York Knicks sembra non avere dubbi: Kristaps Porzingis diventerà il leader della squadra con sede nella Grande Mela

Kristaps Porzingis ha già dimostrato di saper incidere in campo, su questo non ci sono dubbi.

Insomma, parliamo di uno dei migliori protettori del ferro dell’intera NBA, oltre ad essere uno scorer pazzesco dal post basso e dalla lunga distanza. Nonostante tutto però, alla carriera del lettone manca ancora uno step (forse quello più importante) per poter dominare davvero: diventare un leader.

Porzingis infatti ha trascorso la maggior parte delle sue prime tre stagioni NBA imparando le basi del gioco oltreoceano, alternando momenti di incoerenza ed errori a giocate da vero fuoriclasse. Ora però, forte di una squadra tutta sua e della nomina di All-Star di cui è stato insignito durante la scorsa stagione, per l’Unicorno è arrivato finalmente il momento di spiccare definitivamente il volo, quantomeno stando alle parole di David Fizdale:

“Abbiamo parlato di come Kristaps avrebbe assunto un ruolo più importante per la squadra,”

ha riferito Fizdale a Sportacentrs.com in un articolo pubblicato martedì mattina.

“Avremo una nuova squadra in cui Kristaps sarà a tutti gli effetti un veterano, e non possiamo far altro che aspettarci che ne diventi il leader. Naturalmente, gli ho anche detto che assieme riusciremo ad elevare ancor di più il suo gioco. Poi siamo andati in palestra e in spiaggia. Il nostro incontro è stato grandioso, ho avuto una gran buona impressione della sua casa.”

Parole al miele e soprattutto di grande stima quelle dette dal coach al suo neo-giocatore, che qualora riuscisse a raggiungere tale obbiettivo potrebbe davvero cambiare le sorti di una città troppo a lungo “a secco” di risultati nel basket, specie in NBA.

Porzingis d’altronde avrebbe tutte le carte in regola per farcela, contando soprattutto il fatto che riesce già a dominare in entrambi i lati del parquet. Statisticamente infatti, lui e Anthony Davis sono stati gli unici due giocatori della lega ad avere una media di almeno 20,0 punti e 2,0 stoppate a partita nel 2017-18, non un brutto punto da cui partire diciamo.

 

Leggi anche:

NBA, Thomas sta con Leonard: “Ha imparato da me”

NBA, Embiid avverte: “Voglio diventare più forte di James e Leonard”

NBA, Ice Cube: “La rivalità tra Lakers e Celtics è sul punto di riaccendersi”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in New York Knicks