Seguici su

Mercato NBA 2019

NBA: i Toronto Raptors vogliono trattenere Fred VanVleet

Si delineano le prime mosse dei Toronto Raptors

I Toronto Raptors vogliono mantenere il loro sesto uomo Fred VanVleet, e sembrano essere disposti a pagare qualsiasi cifra perché ciò accada.

Il general manager dei Raptors Bobby Webster è infatti apparso su TSN 1050 per ribadire l’interesse della sua squadra per la firma del playmaker Fred VanVleet, che sarà un free agent limitato quest’estate.

“È una priorità enorme, non voglio essere multato qui e sono un po ‘limitato in quello che posso dire, ma noi adoriamo Freddy e lui lo sa, è la nostra massima priorità.”

Le parole di Webster rieccheggiano quelle del presidente dei Raptors Masai Ujiri, che la scorsa settimana ha detto che “ama” Fred VanVleet e spera di mantenerlo in futuro.

L’interesse è reciproco, come ha detto VanVleet dopo la stagione, che è un giocatore “fedele” e che vuole restare.

Il 24enne è risultato come uno dei migliori emergenti del campionato la scorsa stagione, quando la guardia di Wichita State è diventata il membro principale della seconda unità dei Raptors e un affidabile esterno per la squadra che, questa stagione, ha ritoccato il proprio record finale con 59 vittorie.

Fred VanVleet è stato stabile su entrambe le parti del campo, e con una 8 punti a partita, ha capitalizzato il 41% dei tiri effettuati e 3 assist di media.

Mentre i Raptors vorrebbero indubbiamente ri-firmare VanVleet, devono anche essere consapevoli della loro scarsa disponibilità economica.

Toronto infatti ha già 126 milioni impegnati su 11 giocatori per la prossima stagione ed è nel serio pericolo di avventurarsi in una salata tassa sul lusso, fissata a 123 milioni.

Webster ha sostenuto, tuttavia, che i Raptors hanno ricevuto la luce verde per spendere quanto ritengono sia appropriato.

“Non sono sicuro da dove sia venuta questa storia dei costi, ma abbiamo sempre avuto il pieno appoggio dalla proprietà per quanto riguarda la spesa nella tassa sul lusso, quindi non c’è mai stata una direttiva da parte di nessuno.”

 

Leggi anche:

NBA: in programma diversi incontri tra LeBron James ed i Cavaliers

NBA, Nate Robinson: “La NBA mi ha portato alla depressione”

NBA, Luka Doncic: “Farò rimpiangere chi non mi sceglierà”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Mercato NBA 2019