Seguici su

Boston Celtics

NBA, LeBron James elogia Jayson Tatum

Ennesima partita sensazionale del rookie da Duke, la schiacciata su LeBron James è stata la ciliegina su dei Playoff giocati in maniera sensazionale

Jayson Tatum è stato l’ultimo ad arrendersi ieri sera, nella sconfitta decisiva dei suoi Boston Celtics, l’ultimo a gettare bandiera bianca di fronte all’ennesima impresa di LeBron James che ha condotto una sua squadra all’ottava finale NBA consecutiva. Aveva dato l’ultima speranza al Garden con quella che probabilmente è stata la sua miglior giocata della stagione, una schiacciata in faccia al Re e una successiva tripla dal palleggio che aveva riportato i suoi davanti a 6 minuti dalla fine.

Sono stati dei Playoff da record per il prodotto di Duke che è stato il miglior realizzatore della sua squadra a 18.5 di media e, per solo due punti, non è diventato il rookie con più punti nella storia dei Playoff, record che continuerà ad appartenere a Kareem Abdul-Jabbar.

What a run from Jayson Tatum ☘️

Gepostet von ESPN am Sonntag, 27. Mai 2018

Sul 20enne da St. Luis ha speso parole importanti anche LeBron James:

“Non c’è una cosa che non apprezzi di questo ragazzo. Il modo in cui gioco, il suo comportamento e la sua tranquillità. Da dove viene. Non ho dubbi che è fatto per diventare un dominatore di questa lega.”

Parole importanti e investitura per Jayson Tatum che in questa post-season si è guadagnato sul campo i gradi di giocatore importante. Tutta l’esperienza fatta in questa stagione risulterà fondamentale il prossimo anno, quando al suo fianco ci saranno due All-Star come Kyrie Irving e Gordon Hayward, consci, se ancora ce ne fosse bisogno, di avere per le mani una squadra piena di talento e che quest’anno ha preso coscienza delle proprie possibilità facendo maturare tutti i giovani presenti nel roster.

Quello che davvero sorprende di Tatum è la naturalezza con cui fa qualsiasi cosa in un campo da basket, la tranquillità con cui ogni volta scende sul parquet come se fosse la cosa più scontata del mondo, come se quella di quest’anno fosse stata l’ennesima partecipazione a Playoff della sua carriera.

Anche le parole nel post-partita sono state misurate e degne di un veterano:

“È stata una stagione incredibile, è stato pazzesco giocare con tutti i miei compagni per questo coaching staff, è solo il mio primo anno ma è stata davvero una bella annata. Con LeBron James è stata una sfida speciale, sono cresciuto vedendolo giocare, seguendolo su Twitter e sperando che mi rispondesse.”

Il futuro sembra radioso per questi Boston Celtics, che avranno da occuparsi della spinosa questione “rinnovo Marcus Smart“, ma dall’anno prossimo, ad una base di giovani che con le proprie forze è riuscita ad arrivare ad un passo dalle finali NBA, potranno aggiungere un realizzatore letale come Gordon Hayward e un fenomeno come Kyrie Irving.

 

Leggi anche:

NBA, James: “Essere sempre a disposizione è la cosa più importante”

NBA, Patrick McCaw torna in campo a due mesi dal terribile infortunio: “È incredibile”

Coach of the Year: Brett Brown

Commento

Commento

  1. Giorgio

    28/05/2018 15:55

    E’ stata una stagione incredibile per lui, è cresciuto partita dopo partita e forse ora è già il giocatore più importante della squadra, considerando anche il suo impatto difensivo.
    Ha dimostrato di essere clutch e la cosa incredibile è che forse arriverà secondo nella corsa al rookie of the year, pur essendo secondo anche in quella di rookie of the century! (il migliore dopo Kareem Abdul Jabbar degli ultimi 100 anni di postseason NBA, che è il vero campionato per le squadre di un certo calibro).
    Gli sono mancati solo un paio di canestri per battere una leggenda del basket, gli stessi che sono mancati alla squadra per rimanere in partita negli ultimi minuti e giocarsela fino all’ultimo pallone.
    Questo forse non a caso, perchè Tatum da questa sconfitta deve ancora imparare una cosa, deve capire cioè che non importa chi sono i suoi compagni e quanta esperienza hanno, lui è il giocatore che deve prendere quei tiri, deve imparare ad andare a prendere quella palla e metterla in fondo alla retina, soprattutto l’anno prossimo, quando torneranno i due big.
    Le sue mani sono fatate!

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Boston Celtics