Seguici su

Boston Celtics

NBA, Lue: “Non possiamo accontentarci di una sola vittoria”

Coach Lue tiene alta la tensione tra i suoi in vista di Gara 4

Sotto 2-0 dopo le due sconfitte rimediate a Boston, i Cavs arrivavano alla Quicken Loans Arena per una gara 3 che, in caso di sconfitta, avrebbe reso quasi impossibile ogni tentativo di rimonta. L’istinto di sopravvivenza dei giocatori di coach Lue ha fatto sì che Cleveland giocasse al meglio delle proprie possibilità: 30 punti di distacco rifilati ai Celtics e serie momentaneamente sul 2-1.

Guai ad abbassare la tensione: è questo l’imperativo di Tyronn Lue in vista di Gara 4, in programma questa notte. Il “senso di emergenza”, del giocare con le spalle al muro deve essere ancora alto fra i suoi:

“Sappiamo cosa dobbiamo fare. Lo abbiamo già fatto altre volte. Abbiamo un sacco di veterani e loro sanno cosa serve per vincere. Non possiamo essere soddisfatti di una sola vittoria. È solo una: lunedì dovremo giocare per ripeterci.”

Le parole di Lue hanno un fondo di verità. I Cavs si sono già trovati sotto per 2-1 in questi Playoff, al primo turno contro gli Indiana Pacers. Inoltre, quattro giocatori del roster (James, Love, Thompson e JR Smith) erano presenti già durante l’epica rimonta delle Finals 2016.

L’allenatore dei Cavaliers ha spiegato la sua scelta di far rivedere il video della partita ai suoi giocatori. In Gara 4 vuole la stessa intensità:

“Volevo ricordargli che questo è il modo in cui dobbiamo giocare.”

Lue ha speso parole anche per LeBron, autore di una Gara 3 da 27 punti e 12 assist:

“Credo sia stata una delle migliori partite che gli abbia mai visto giocare per aiuto ai compagni, nei close-out a Brown, Morris, Smart. Ha fatto un grandissimo lavoro nello stabilire il livello di intensità necessario per vincere.”

Infine il coach si è espresso anche sulla questione Jordan Clarkson, fin qui ai margini della serie e da un po’, anche delle rotazioni:

“Non credo sia nervoso o spaventato. Quando ti prendi 11 o 12 tiri in uscita dalla panchina ai Playoff, non lo sei.”

 

Leggi anche:

NBA, Marcus Morris avvisa i Cavs

Risultati NBA: Steph Curry demolisce i Rockets; Warriors avanti 2-1

NBA, finalmente Stephen Curry entra nella serie

Commento

Commento

  1. Giorgio

    21/05/2018 22:44

    Il cervello non capisce “non”, capisce “accontentarsi di una sola vittoria” e a parte James, che non risponde al cervello ma ai dei del basket, speriamo che i suoi compagni abbiano recepito il messaggio negativo. I celtics devono rischiare, perché finora, nella serie, chi ha rischiato ha vinto. Gara 1, Brad ha rischiato facendo marcare Lebron da Horford e Morris, lasciandogli il tiro da tre e ha pagato. Gara 2 Brad ha rischiato, lasciando sfogare James, ma annullando i compagni e ha pagato. Gara 3, Lue ha rischiato, rispolverando Nance jr, puntando comunque su Thompson e convincendo Lebron soprattutto a difendere e ha pagato. Ora Stevens deve rischiare con Jayson Tatum, finora lasciato libero di giocare senza responsabilità ed ora pronto a tornare la prima opzione in attacco, se non, a marcare Lebron.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Boston Celtics