Seguici su

Boston Celtics

NBA, Lue: “Non possiamo accontentarci di una sola vittoria”

Coach Lue tiene alta la tensione tra i suoi in vista di Gara 4

Sotto 2-0 dopo le due sconfitte rimediate a Boston, i Cavs arrivavano alla Quicken Loans Arena per una gara 3 che, in caso di sconfitta, avrebbe reso quasi impossibile ogni tentativo di rimonta. L’istinto di sopravvivenza dei giocatori di coach Lue ha fatto sì che Cleveland giocasse al meglio delle proprie possibilità: 30 punti di distacco rifilati ai Celtics e serie momentaneamente sul 2-1.

Guai ad abbassare la tensione: è questo l’imperativo di Tyronn Lue in vista di Gara 4, in programma questa notte. Il “senso di emergenza”, del giocare con le spalle al muro deve essere ancora alto fra i suoi:

“Sappiamo cosa dobbiamo fare. Lo abbiamo già fatto altre volte. Abbiamo un sacco di veterani e loro sanno cosa serve per vincere. Non possiamo essere soddisfatti di una sola vittoria. È solo una: lunedì dovremo giocare per ripeterci.”

Le parole di Lue hanno un fondo di verità. I Cavs si sono già trovati sotto per 2-1 in questi Playoff, al primo turno contro gli Indiana Pacers. Inoltre, quattro giocatori del roster (James, Love, Thompson e JR Smith) erano presenti già durante l’epica rimonta delle Finals 2016.

L’allenatore dei Cavaliers ha spiegato la sua scelta di far rivedere il video della partita ai suoi giocatori. In Gara 4 vuole la stessa intensità:

“Volevo ricordargli che questo è il modo in cui dobbiamo giocare.”

Lue ha speso parole anche per LeBron, autore di una Gara 3 da 27 punti e 12 assist:

“Credo sia stata una delle migliori partite che gli abbia mai visto giocare per aiuto ai compagni, nei close-out a Brown, Morris, Smart. Ha fatto un grandissimo lavoro nello stabilire il livello di intensità necessario per vincere.”

Infine il coach si è espresso anche sulla questione Jordan Clarkson, fin qui ai margini della serie e da un po’, anche delle rotazioni:

“Non credo sia nervoso o spaventato. Quando ti prendi 11 o 12 tiri in uscita dalla panchina ai Playoff, non lo sei.”

 

Leggi anche:

NBA, Marcus Morris avvisa i Cavs

Risultati NBA: Steph Curry demolisce i Rockets; Warriors avanti 2-1

NBA, finalmente Stephen Curry entra nella serie

Commento

Commento

  1. Giorgio

    21/05/2018 22:44

    Il cervello non capisce “non”, capisce “accontentarsi di una sola vittoria” e a parte James, che non risponde al cervello ma ai dei del basket, speriamo che i suoi compagni abbiano recepito il messaggio negativo. I celtics devono rischiare, perché finora, nella serie, chi ha rischiato ha vinto. Gara 1, Brad ha rischiato facendo marcare Lebron da Horford e Morris, lasciandogli il tiro da tre e ha pagato. Gara 2 Brad ha rischiato, lasciando sfogare James, ma annullando i compagni e ha pagato. Gara 3, Lue ha rischiato, rispolverando Nance jr, puntando comunque su Thompson e convincendo Lebron soprattutto a difendere e ha pagato. Ora Stevens deve rischiare con Jayson Tatum, finora lasciato libero di giocare senza responsabilità ed ora pronto a tornare la prima opzione in attacco, se non, a marcare Lebron.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Boston Celtics

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.