Seguici su

Golden State Warriors

Le condizioni di Curry non preoccupano il suo trainer

Secondo Brandon Payne l’infortunio alla caviglia del giocatore degli Warriors non è grave. È più preoccupante secondo lui la frequenza con cui stanno avvenendo in questa stagione

In questo momento i Golden State Warriors, nonostante un Durant da 40 punti di media, stanno cavalcando una mini-striscia di 2 sconfitte consecutive, subite per mano dei Portland TrailBlazers e dei Minnesota Timberwolves. Una delle causa di questo momento di down è sicuramente da imputare all’assenza di Stephen Curry, out a tempo indeterminato per una distorsione alla caviglia rimediata nei primi minuti della gara contro i San Antonio Spurs.

La fragilità delle caviglie è da sempre il punto debole del prodotto di Davidson College e in questa stagione già più volte il campione NBA si è dovuto fermare a causa di una distorsione.

Il suo personal trainer Brandon Payne intervistato in merito ha pero tranquillizzato la “Dubnation” in merito alla gravità dell’infortunio del giocatore:

“Non sono preoccupato dalla gravità dell’infortunio perché non si tratta di un trauma distorsivo che gli impedirà di essere al meglio per i playoff. La cosa che però mi turba è la frequenza con cui sta accadendo in questa stagione”.

Non c’è ancora una timetable precisa per il suo rientro, ma Curry, sempre a detta del suo trainer, sta già lavorando per tornare al 100% come fece a dicembre, quando dopo 3 settimane di stop tornò in campo con 5 partite irreali, segnando 35.5 punti di media e tirando 33 su 62 da tre punti.

In stagione Curry sta segnando 26.3 punti di media e potrebbe attentare alla seconda regular season da 50/40/90 (49.4 % la media per ora dal campo) ripetendo quella da MVP del 2015/2016.

Per quanto riguarda i Golden State Warriors, la squadra di Steve Kerr ha fatto ritorno nella Baia dopo la sconfitta in Minnesota e domani sera giocherà contro una delle squadre più in forma del momento, i Los Angeles Lakers dell’ex vice allenatore Luke Walton.

 

Leggi anche:

La seria possibilità che gli Spurs non facciano i Playoff

Dennis Rodman condannato a tre anni di libertà vigilata

Marcus Smart fuori a tempo indeterminato

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.