Seguici su

Boston Celtics

Infortunio originale per Marcus Smart

Il giocatore è stato messo KO da un taglio procuratosi nell’hotel dove la squadra alloggiava. In dubbio anche per la partita contro i Warriors

Smart

Succede anche questo in NBA. Che il tuo leader difensivo poco prima di partire verso il palazzo, si presenti dallo staff medico con un taglio profondo sulla mano. Questo è accaduto ieri sera ai Boston Celtics, con Marcus Smart che è stato costretto a saltare la partita contro i Los Angeles Clippers a causa di una lacerazione alla mano su cui è stato necessario applicare anche dei punti.

Fortunatamente per i Boston Celtics, orfani anche di Al Horford a causa di un colpo ricevuto in testa sul finale della gara con i Los Angeles Lakers, sono usciti vincitori dallo Staples Center per 113 a 102 con una buona prestazione di squadra, interrompendo la striscia di 4 sconfitte consecutive e ricevendo ottime risposte dai giocatori maggiormente in difficoltà nell’ultimo periodo, Terry Rozier (15p) e Jayson Tatum (18p).

Le dinamiche dell’infortunio all’ex Oklahoma sono ancora sconosciute, e lo stesso Brad Stevens ha dichiarato prima della partita che lo staff sta ancora indagando, facendo però capire come l’investigazione si tratti solo di una semplice formalità e non attuata con lo scopo di prendere dei provvedimenti nei confronti del giocatore:

“Si è lacerato la mano con del vetro nel pomeriggio, non so ancora la storia completa, stiamo cercando di saperne di più. Mike Zarren (l’assistente GM) e Brian Dolan (l’assistente trainer) sono con lui in ospedale da due ore. Non sembra nulla di grave, ma siamo tenuti a sapere come sia successo”.

Marcus Smart ora, con i punti alla mano, dovrà rimanere sotto osservazione per due giorni prima di poter essere di nuovo in grado di scendere in campo, e, sabato sera nella rivincita nella Baia contro i Golden State Warriors, la sua presenza, fondamentale soprattutto in difesa per affrontare al meglio una macchina da punti così perfetta come quella di Curry e compagni, non è ancora da ritenere sicura.

 

Leggi anche:

Perche Steven Adams non è il vostro giocatore preferito

Svelati i Nomi dei partecipanti al Rising Stars 2018

Kings, George Hill vole andarsene. il play vicino ai Cavs

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Boston Celtics