Seguici su

News NBA

NBA, De’Aaron Fox: “Amo Sacramento, vincere qui sarebbe speciale”

La stella dei Kings ha cambiato agente: “Serve al mio business, non perché voglio lasciare i Kings”

De'Aaron Fox Sacramento Kings

La stella dei Sacramento Kings De’Aaron Fox ha cambiato agente: una scelta che ha fatto preoccupare i fan della franchigia, ipotizzando che il loro beniamino avesse intenzione di cambiare squadra. Ci pensa lo stesso Fox a tranquillizzare i suoi tifosi tramite un’intervista dove dichiara il suo amore per Sacramento.

De’Aaron Fox: “Ho cambiato manager per migliorare il mio business”

Intervistato da Chris Haynes per Bleacher Report, De’Aaron Fox spiega per è passato da Chris Gaston e dalla Family First Sports Firm alla Klutch Sports di Rich Paul, atleta di vari giocatori NBA tra cui LeBron. Nel corso dell’intervista spiega che questo cambio non mette a rischio la sua permanenza a Sacramento:

“Quando sei un atleta che ha una certa notorietà e fai un cambiamento importante, la notizia circolerà e la gente farà delle speculazioni, ma a me piace stare a Sacramento: questa decisione non ha nulla a che fare con il desiderio di essere scambiato o di andare avanti, ma a che fare con me stesso e con il business della pallacanestro. Sento che loro sono in grado di aiutarmi in modi in cui non sono mai stato aiutato prima. Si tratta di un vero e proprio salto di qualità” 

L’amore per Sacramento

De’Aaron Fox non ha alcuna intenzione di lasciare i Sacramento Kings, visto il bel rapporto che lo lega con i tifosi e la città. Fox vuole rimanere a lungo per centrare obiettivi importanti, come spiega nell’intervista:

“Adoro essere qui a Sacramento, anche per il rapporto con i fan: è un po’ come essere al Kentucky. Se sarò in grado di vincere qui, sento che sarà una sensazione diversa. Essere in questa città, per così tanto tempo, gioca un ruolo importante. Se sono in grado di aiutare questa squadra ad andare ai Playoff e, si spera, vincere un campionato ad un certo punto della mia carriera, sarebbe la cosa migliore di tutta la mia carriera” 

 

Leggi anche:

NBA, i Lakers perdono sulla sirena: Nembhard castiga i gialloviola

NBA, i Nets vincono nel segno di Kevin Durant: 45 punti contro Orlando

DeMarcus Cousins a Bob Myers, GM Golden State Warriors: “Perché non sono in NBA?”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA