Seguici su

Denver Nuggets

Facundo Campazzo: “Giocare in NBA è un inferno”

La singolarità del mondo NBA vista dai 178 centimetri di una matricola atipica

facundo campazzo denver nuggets

Stagione NBA 2018-2019. La terza scelta assoluta del Draft di quell’anno , Luka Doncic, dopo le prime dimostrazioni di irrisoria supremazia, disse:

“Qui in NBA segnare è molto più semplice rispetto al contesto europeo, senza dubbio. In Europa, il campo è più piccolo e manca la regola dei tre secondi difensivi. I difensori NBA sono più atletici, ma non considerano la difesa come un lavoro corale”.

La testimonianza di un fenomeno ha sempre una risonanza particolare, evidentemente non condivisibile da tutti, per fisiologiche differenze sul piano del fisico e del talento. A questo proposito, Facundo Campazzo, guardia in forza ai Denver Nuggets ed ex compagno dello sloveno al Real Madrid, ha umilmente manifestato le difficoltà riscontrate in questi primi mesi da giocatore NBA:

“Non deve stupire che Luka abbia detto queste parole. Non si tratta di denigrare la NBA né di schernirne i difensori. Doncic non ha nemmeno peccato di superbia. E’ la genuina testimonianza di un fenomeno che ha dominato in ambo i contesti. Possiede un talento incredibile e tutto va rapportato a questa dimensione di fondo. Io, invece, posso giurare di lottare con le fiamme dell’inferno ogni sera. Talvolta prego pure. Il mio fisico è causa di molte difficoltà in attacco, perché non mi permette nemmeno di azzardare penetrazioni “.

Riprendendo l’intervista concessa dal play argentino alla testata “Marca“, è possibile comprendere quale sia nello specifico la situazione tanto probante da richiedere un aiuto dalle alte sfere:

“Il problema maggiore riguarda la metà campo difensiva. Marcare ogni sera un playmaker più forte è un blocco mentale. Dopo aver marcato Curry, la sera dopo ti tocca Lillard. Dopo vengono Westbrook ed Irving. Insomma, non hai mai tregua. Figuriamoci quando cambi sulle ali. Giocano tutti per ucciderti psicologicamente.”

Leggi anche:

Kyrie Irving insiste su Kobe come nuovo logo NBA

NBA, Bam Adebayo entra nella famiglia Jordan Brand

NBA, Kevin Garnett commenta Gara 7 delle Finals 2010 contro Kobe

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Denver Nuggets