Seguici su

News NBA

Obama: “Con LeBron e Paul abbiamo salvato la stagione NBA”

LeBron James aggiunge: “Sono fortunato ad avere come amico Obama: per noi è stato una guida”

lebron-james-obama-130128.jpg

Barack Obama, LeBron James e Chris Paul hanno salvato la stagione NBA appena conclusa. Decisiva, infatti, è stata la telefonata tra l’ex presidente degli Stati Uniti e vari giocatori, tra cui anche Westbrook e Carmelo Anthony.

Ospite del programma di LeBron James ‘The Shop’, Obama ha svelato i dettagli su quella chiamata. Una telefonata avvenuta dopo che i Milwaukee Bucks si erano rifiutati di giocare  in segno di protesta dopo la sparatoria contro Jacob Blake.

Di fronte all’ennesimo episodio di ingiustizia sociale, i giocatori desideravano dare un segnale forte al Paese. Inizialmente si era pensato di boicottare la stagione, ma poi Obama ha suggerito di agire diversamente:

“Era quasi mezzanotte quando Chris Paul ha chiamato LeBron, Carmelo [Anthony], penso che ci fosse anche Westbrook al telefono. La conversazione che abbiamo avuto era sulla falsariga del discorso di LeBron: fermare la stagione.

La protesta è utile per sensibilizzare le persone ma, dato il potere dei giocatori NBA, il mio suggerimento è stato di usare la lega per iniziare a chiedere alcune specifiche: non era un episodio una tantum, ma era un qualcosa di già visto perché accade spesso e bisognava dare una svolta.

Uno dei suggerimenti che avevo per i giocatori era: è possibile per voi ragazzi creare un movimento, un ufficio che vi consenta, su base continuativa, di adottare le migliori pratiche che per iniziare a rendere meno probabili episodi come quello di Blake? 

Bisognava creare un qualcosa di duraturo e così hanno fatto con More Than Vote, dove LeBron e Michelle [Obama ndr] cercano di sensibilizzare le persone sull’importanza del voto”

 

Anche LeBron James parla di quanto è stato utile per i giocatori parlare con Obama, che è stato una guida per loro:

“C’è stato un momento in cui, sia io che i Lakers, eravamo pronti a lasciare. Stavamo cercando di capire cosa fare: smettiamo di giocare o continuiamo? Abbiamo un piano? Qual è il nostro invito all’azione? Sono fortunato ad avere come amico il 44 ° presidente, che ha permesso a me e CP di parlare con lui, facendoci da guida.

Quando accadono queste cose, quando c’è caos e le persone non sanno come gestire la situazione, la cosa migliore che puoi fare è avere qualcuno con cui parlare, che ha una leadership e può darti delle linee guida” 

Un suggerimento quello di Obama che ha permesso alla NBA di finire la stagione e che è stato un punto di svolta sia per la lega che per la lotta all’ingiustizia sociale.

 

Leggi anche:

NBA, Steve Nash dopo l’arrivo di D’Antoni: “Ho uno staff fantastico”

Mercato NBA, Warriors interessati a Kelly Oubre

NBA, Stan Van Gundy: “Sia Ingram che Zion sono unici”

 

 

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA