Seguici su

L.A. Lakers

NBA, Avery Bradley ha donato 30 mila dollari alla WNBA

Il giocatore dei Lakers ha aiutato la WNBA ad allestire la ‘bolla’ a Bradeton, in Florida, dove hanno giocato le sue colleghe

Bradley

Alla ripresa della stagione NBA a Orlando non c’era Avery Bradley. Il giocatore dei Los Angeles Lakers aveva preferito non giocare per tutelare la salute del figlio più grande, ma ha contribuito ad allestire la ‘bolla’ della WNBA donando ben 30 mila dollari.

La WNBA ha giocato a Bradenton, in Florida, dove le atlete alloggiavano al campus della scuola superiore IMG: una scelta dettata dai pochi fondi di cui dispone la lega. La stagione appena conclusasi è stata ricca di emozioni, terminata con le Seattle Storm incoronate campioni WNBA 2020.

Proprio per rendere possibile tutto ciò, Bradley e sua moglie Ashley hanno acquistato il necessario per rendere più confortevole la permanenza delle giocatrici e dello staff all’interno della ‘bolla’: un bel gesto per aiutare le sue colleghe a giocare la stagione.

Bradley non ha giocato a Orlando per tutelare la salute del figlio più grande, affetto in passato da gravi malattie respiratorie. Tuttavia, prima della ‘bolla’ di Orlando, aveva dato un buon contributo ai Lakers nella corsa al titolo, tanto che i giallo-viola consegneranno a Bradley l’anello della vittoria.

Avery Bradley sapeva che il suo piccolo gesto avrebbe dato un grande contributo per il miglioramento del basket femminile. Un gesto da vero campione.

 

Leggi anche:

NBA, Nowitzki spiega il ‘no’a Nash: “Non era il momento giusto”

La NBA permetterà alle squadre di organizzare workout per i prospetti del Draft

NBA, rivoluzione in casa Bulls: Billy Donovan licenzia quattro assistenti

 

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in L.A. Lakers