Seguici su

Milwaukee Bucks

NBA, Giannis Antetokounmpo commenta il nuovo titolo MVP

Il giocatore felice del nuovo riconoscimento da parte della lega, ha parlato anche del suo futuro in maglia Milwaukee

Giannis Antetokounmpo

Finalmente è ufficiale: Giannis Antetokounmpo è nuovamente l’MVP della stagione. Si tratta dal secondo riconoscimento personale per il greco che ha superato la concorrenza di LeBron James e James Harden. La stella dei Milwaukee Bucks, attualmente in Grecia dopo l’eliminazione anticipata della sua squadra nel secondo turno Playoff contro Miami, ha quindi accolto con favore la notizia, attraverso i microfoni di ESPN:

“Questo trofeo significa molto per me. Devo ringraziare tutti per avermi permesso di giocare al meglio delle mie potenzialità. Ringrazio la mia famiglia, mia madre, mio padre, i miei fratelli e specialmente mio figlio che mi ha costretto a rimanere sveglio fino a notte inoltrata, permettendomi di continuare a guardare le partite e studiare il gioco (ride)… ringrazio poi i miei compagni di squadra, senza di loro non avrei mai conquistato questo trofeo.”

Poi sullo speciale record riguardante la conquista di 2 MVP di fila con il DPOY, proprio come Michael Jordan e Hakeem Olajuwon, Giannis ha risposto in questo modo:

“Ragazzi… stiamo parlando dei giocatori più forti della storia del gioco. Ovviamente Michael Jordan è uno dei giocatori migliori di sempre, se non il migliore di tutti. Hakeem, invece, è un giocatore che ho sempre preso come ispirazione, come modello da seguire. Solo essere accostato in qualche modo a loro, mi rende orgoglioso e voglioso di continuare a lavorare e migliorare.”

Ogni stagione che passa, il greco migliora le sue cifre offensive. Nell’ultima regular season, Antetokounmpo ha sfiorato i 30 di media. Come si spiega il suo continuo miglioramento sotto questo punto di vista? The Greek Freak sembra avere la risposta:

“Cosa faccio durante l’offseason per migliorare? Semplicemente studio sempre il gioco, passo la mia estate in palestra. Lavoro su ogni cosa per 2-3 mesi: sul mio jump shot, sui movimenti in post, sui passaggi. Ho ancora molto lavoro da fare.”

Quindi ha affrontato anche l’argomento eliminazione di Milwaukee e le voci di mercato NBA che stanno mettendo in dubbio un suo futuro nel Wisconsin.

“Ovviamente avrei preferito essere nella bolla in questo momento e avere l’opportunità di giocarmi le Finals. So che devo cercare di migliorare per poter aiutare ancora di più la squadra. I miei compagni e allenatori sono stati fantastici con me e devo ripagarli.. Io voglio essere campione, lavorerò sempre e duramente per questo. Il mio futuro? In questo momento non ci sto pensando, sono stato lontano dalla mia famiglia per lungo tempo e per ora sto pensando solo a stare un po’ con loro. Non mi sto occupando mentalmente del mio futuro, quando sarà necessario parleremo del contratto e del resto. Quello che posso dire è che ho un buon rapporto con il presidente, con la squadra e con i miei compagni. Finché tutti lottano per la stessa cosa, che è quella di diventare campioni, non vedo perché non possa essere Milwaukee per i prossimi 15 anni.”

Poi l’ultima battuta finale, con un messaggio chiaro:

“Non chiamatemi MVP per ora finché non sarò diventato un campione NBA.”

 

Leggi Anche

Giannis Antetokounmpo nominato MVP della stagione

NBA, Coach Spoelstra commenta la vittoria in Gara 2 contro Boston

NBA Playoff Preview: Los Angeles Lakers vs Denver Nuggets

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Milwaukee Bucks