Seguici su

Brooklyn Nets

NBA, posticipato il ritorno di Irving al TD Garden: Kendrick Perkins lo accusa

Irving mancherà al TD garden nella partita dei Nets contro i Boston Celtics. Kendrick Perkins ritiene però che sia tutto architettato per evitare la tifoseria biancoverde.

Kyrie Irving

I Brooklyn Nets immaginavano che l’inizio della regular season sarebbe stato leggermente diverso, soprattutto dal punto di vista degli infortuni.

Se da una parte si erano già messi l’anima in pace posticipando il debutto di Kevin Durant al prossimo anno, molto probabilmente non si aspettavano di dover anche attendere a lungo per una perfetta forma fisica da parte di Kyrie Irving.

Per via di un infortunio alla spalla, il giocatore ha saltato diverse partite con la maglia dei Nets. Dopo l’infortunio subito contro gli Utah Jazz nello scorso 12 novembre, il n°11 di Brooklyn infatti è stato costretto a fermarsi e non ha ancora preso parte ad alcun allenamento.

A tal proposito coach Kenny Atkinson ha dichiarato:

“Non penso sia un dolore che può affrontare sul parquet, non riesce a scendere in campo. La spalla è un punto molto particolare, sensibile, soprattutto per chi gioca nel suo ruolo. Fino a quando non riuscirà a tenere il ritmo e sopportare il dolore, non lo rimetteremo in campo. Siamo ancora molto lontani da quel punto”. 

L’infortunio dunque lo terrà fermo ancora per un po’ di tempo e sicuramente lo costringerà a saltare la partita al TD Garden contro i Boston Celtics, alla quale assisterà da casa sua. Ed è proprio per questo motivo che Kendrick Perkins (giocatore che ha prestato servizio per la franchigia dal 2003 al 2011) ha pubblicamente accusato Irving di fingere l’infortunio per non dover affrontare il pubblico di Boston, all’interno del quale di certo non è ben visto:

“Kyrie ha guardato il calendario all’inizio dell’anno e poi ha pianificato tutta questa storia dell’infortunio per non giocare a Boston. Non voleva affrontare tutto il polverone che si sarebbe sollevato a Bean Town”. 

Si dovrà aspettare il 4 marzo per il ritorno di Irving al TD Garden, nel frattempo si può solo augurare al playmaker un pronto rientro in campo per cominciare finalmente a giocare una lunga serie di partite con la sua nuova franchigia.

 

Leggi anche:

NBA, Butler resta vago sul perché dell’addio ai Sixers.

NBA, Lillard sull’inizio di stagione dei Blazers: “Non sono preoccupato”.

NBA, i CLippers si preparano alla sfida contro Luka Doncic.

 

 

 

 

Commento

Commento

  1. Frank

    25/11/2019 21:04

    Quest’anno servira’ ai Nets x valutare chi veramente sia piu’ funzionale e chi meno,la prossima stagione con KD non ci saranno scusanti bisogna puntare al titolo e chi non sara’pronto e’ meglio scambiarlo.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Brooklyn Nets