Seguici su

News NBA

NBA, George fischiato a Los Angeles: “Ora passo per cattivo”

La risposta del #13 è arrivata sul campo

Circa un anno fa, in occasione dell’All-Star Weekend 2018, Paul George era stato accolto a Los Angeles da un’ovazione che l’aveva lusingato. Ora, dopo la firma estiva sul contratto pluriennale che lo lega a Oklahoma  City, la situazione si è ribaltata e i tifosi non hanno dimenticato lo sgarbo.

Nella notte dello Staples, in occasione della sfida fra Thunder e Lakers, dagli spalti sono arrivati per lui solo fischi, sin dalla presentazione delle squadre. George ha risposto da campione, mandando a referto 37 punti fondamentali per il successo dei suoi.

Riportiamo le dichiarazioni raccolte da ESPN al termine della gara:

“È stato divertente. Attendo con ansia la seconda partita stagionale dove verrò fischiato, nel Midwest [a Indy ndr.]. Me la sono goduta a prescindere da tutto. Non sono dei fischi a distogliermi dal mio gioco. Non sono l’unico ragazzo dalla California del Sud a non aver giocato qui. Questa è un’organizzazione incredibile e nutro massima stima e massimo rispetto nei confronti del loro front office, della città. È andata così, ma resto un nativo di Southern California. Non mi aspettavo certo di essere riverito. Ero pronto a un’accoglienza del genere, ora passo per il ‘cattivo’ e ci sta.”

Leggi anche:

 Paul George su LeBron James: “Alcuni hanno difficoltà a giocare con lui”

 Los Angeles Lakers: infortunio per Kyle Kuzma

NBA, Popovich: “Leonard? Parlarne ora significa perdere tempo”

NBA, lite nello spogliatoio dei Memphis Grizzlies dopo la sconfitta contro i Pistons

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA