Seguici su

Risultati NBA

Risultati NBA: Lakers, Warriors e Toronto vincono, male OKC e Bucks. Houston è ancora KO

I risultati NBA della notte hanno sancito le vittorie di Lakers, Warriors, Raptors e Clippers. Male invece i Bucks, Thunder e Rockets.

lakers

Miami Heat-Washington Wizards 110-116 

In pieno clima vintage anni ’80 (come potrete notare dagli highlights proposti qui sotto), i Miami Heat cedono sul parquet amico contro i Washington Wizards. Nonostante un buon primo tempo chiuso in positivo, gli Heat hanno subito le arrembate di un John Wall protagonista (28 punti + 9 assist per lui) sostenuto da Beal e un insperato Austin Rivers, quest’ultimo autore di 18 punti a referto. Lo strappo alla gara è arrivato a 5 minuti dal termine del match quando gli ospiti hanno registrato un 10-0 di parziale che ha praticamente mandato KO Miami (109-95), prima di gestire gli ultimi giri d’orologio senza troppi patemi. Per Washington si tratta della terza vittoria stagionale.

 

Highlights

 

New Orleans Pelicans-Phoenix Suns 119-99

Dopo una mini-crisi, New Orleans sembra aver ripreso la propria marcia con fiducia andando a cogliere la seconda vittoria consecutiva e sesta stagionale contro degli inermi Phoenix Suns che invece cedono per la decima volta. Gara sostanzialmente sempre in controllo per i padroni di casa che già nella prima frazione di gioco suggeriscono l’esito del match scappando in doppia cifra di vantaggio. Da segnalare le doppie-doppie di Anthony Davis, 26 punti + 13 rimbalzi, e Julius Randle, 22 punti + 15 rimbalzi. Dall’altra parte Devin Booker stecca mettendo a referto solo 12 punti con un pessimo 33% al tiro dal campo.

 

Highlights

 

Los Angeles Clippers-Milwaukee Bucks 128-126 dts 

Nel prime-time europeo i Clippers fanno la voce grossa contro i più quotati Milwaukee Bucks. La compagine guidata dal nostro Danilo Gallinari coglie la settima vittoria stagionale dopo una partita emozionante conclusasi solamente dopo un tempo supplementare. L.A. parte subito benissimo nel match arrivando anche sul +15 nei primi minuti del secondo quarto prima di subire una irruenta reazione di Milwaukee con Brook Lopez, scatenato dalla linea di tre punti, che piazza 4 triple in un amen. I Bucks si ritrovano così in vantaggio con il punteggio di 55-51 a 3’07 dalla pausa. Il secondo tempo continua sull’estremo equilibro tra le due compagini che non riescono mai ad andare in fuga e mettere una pietra sopra la partita. Si arriva così agli istanti finali dei regolamentari con Danilo Gallinari che ha l’opportunità di chiudere il match, ma il suo tiro non entra. E’ overtime. Stesso discorso nei supplementari, le due squadre rispondo colpo su colpo fino al lampo di Lou Williams a 3 decimi dal termine: game, set and match per i Clippers che colgono una bella e insperata vittoria. Per Antetokounmpo sono 27 i punti a referto con 18 rimbalzi. Dall’altra parte ci sono i 26 di Harrell, 21 di Beverley, 20 di Harris. Danilo Gallinari si ferma a 13 punti (3/8 da due, 1/7 da tre, 4/5 tiri liberi), 8 rimbalzi, 3 assist e 1 palla persa in 40’48”

 

Highlights

 

Toronto Raptors-New York Knicks 128-112 

Sesta vittoria consecutiva e pieno controllo della NBA per i Toronto Raptors di Kawhi Leonard. Dopo la vittoria di ieri sera contro i New York Knicks, Toronto registra una record stagionale di 12-1. Ad onor del vero i canadesi hanno fatto più fatica del solito a carburare nei primi minuti della partita contro New York sbagliando 11 tiri su 13 tentati dal campo. Dalla panchina dei Raptors però arriva l’energia giusta per cambiare fin da subito le sorti del match grazie a Anuoby e Delon Wright. Gli ospiti son poca cosa e Toronto riesce a chiudere il primo tempo in vantaggio sul risultato di 64-53. Stesso discorso ad inizio secondo tempo: i canadesi sono troppo molli e subiscono il rientro di New York che si arriva addirittura sul -1, prima di sciogliersi nuovamente davanti alla ‘sveglia’ di Leonard e Serge Ibaka. Toronto serra le fila in difesa e comincia a giocare il suo basket d’efficacia. L’ultima frazione è un monologo con i padroni di casa che fissano il punteggio finale sul 128-112. Ottima la prova di Siakam, top scorer dei suoi, con 23 punti. Dall’altra parte da segnalare un Hardaway Jr sugli scudi con 27 punti.

 

Highlights

 

Chicago Bulls-Cleveland Cavaliers 99-98 

La lotta tra i bassifondi NBA la vince Chicago che coglie la quarta vittoria stagionale contro i Cavaliers che devono piangere lacrime amare per l’undicesima volta in 12 uscite. Partita strana quella in scena a Chicago con i padroni di casa che sembrano poter subito mettere in cascina la vittoria: 37-23 di massimo vantaggio. Nel secondo quarto però arriva subito la risposta da parte di Cleveland che grazie alle triple di Korver e Clarkson si riportano in careggiata andando a pareggiare sul 53-53. Il secondo tempo vive sull’equilibrio fino agli ultimi istanti con i Bulls più freddi nel chiudere la partita sul 99-98. LaVine 24 punti per Chicago. Thompson 22 per Cleveland.

 

Highlights

 

Memphis Grizzlies-Philadelphia 76ers 112-106 (d.t.s)

Sarà anche arrivato Jimmy Butler (presumibilmente disponibile da mercoledì) a dare nuova linfa vitale a Philadelphia, ma i 76ers colgono la loro sesta sconfitta stagionale. Phila, proprio a causa della trade di ieri sera, si ritrova senza Saric e Covington tra le proprie rotazioni e la fatica delle ultime partite si è fatta sentire, soprattutto nei momenti chiave. Di fatto gli ospiti controllano senza troppi problemi la prima parte della gara chiudendo sul +13 il primo tempo con il punteggio di 63-50, prima di subito la rimonta dei Grizzlies, guidati da un fantascientifico Mike Conley (32 punti per lui), che ri-mettono la testa avanti a 4 minuti dal termine del terzo quarto (72-71). Phila prova nuovamente a scappare sul finale quando Embiid segna il +3 a 47 secondi dalla sirena, ma Temple dalla lunga distanza riprende la partita allungandola ai supplementari dove Conley decide il match contro i 76ers in riserva e senza reazione.

 

Highlights

 

San Antonio Spurs-Houston Rockets 96-89

La stagione di Houston sembra già vivere una svolta: Carmelo Anthony, fuori nella partita di stanotte, potrebbe lasciare la squadra dopo le ultime notizie riportate da ESPN. Nel frattempo la compagine di Mike D’Antoni è scesa in campo contro San Antonio in una partita persa nei minuti finali dopo una brutta prestazione corale. I Rockets devono portare a casa la settima sconfitta stagionale e una difficoltà oggettivamente palese. Per San Antonio invece arriva la seconda vittoria consecutiva. La partita è sempre rimasta sui binari dell’equilibrio fino ai quattro minuti finali quando i padroni di casa, con White e Aldridge, riescono a scappare piazzando un parziale di 8-2 che mette 3 possessi di distanza a 60 secondi dal termine. Game, set and match per San Antonio. Houston deve fare i conti con una pessima prestazione offensiva: 33% totale al tiro, col 22% dalla lunga distanza. James Harden a referto con 25 punti ma 7/27 dal campo, di cui 1/13 dall’arco. Anche Chris Paul non è molto meglio: 13 punti con 4/13 dal campo. Dall’altra parte Aldridge mette a referto 27 punti. Dalla panchina Marco Belinelli segna 8 punti in 18 minuti tirando col 3/7 dal campo, 2/4 dall’arco.

 

Highlights

 

Golden State Warriors-Brooklyn Nets 116-100 

Fuori Stephen Curry e Draymond Green, i Golden State Warriors non cambiano copione e vincono l’ennesima partita. Trascinatore del match è stato Kevin Durant, autore di una partita da 28 punti + 11 rimbalzi. Brooklyn regge per 24 minuti prima di cedere agli Warriors. Se poi anche Quinn Cook, il sostituto di Curry, decide di mettere a referto 27 punti con il 67% dal campo, allora diventa davvero un miracolo per gli ospiti tentare di portare a casa una W. Come detto, Golden State dopo due quarti di sostanziale equilibrio, spacca la partita portandosi a +20 (88-68). I Nets provano una timida reazione ma all’appello risponde anche Klay Thompson (24 punti) che nel corso del quarto quarto mette il risultato in naftalina. Undicesima vittoria stagionale per gli Warriors.

 

Highlights

 

Sacramento Kings-Los Angeles Lakers 86-101

Diciamolo piano, ma i Lakers sembrano aver cambiato marcia in questo periodo: nella notte è arrivata la quarta vittoria nelle ultime 5 uscite e ora il loro record recita 6-6. Gialloviola sostanzialmente in vantaggio dall’inizio fino alla fine del match grazie anche ad una prova difensiva convincente. L’innesto in rotazione di Tyson Chandler si vede, è lui che comanda l’area difensiva ed è sempre lui che lotta su ogni rimbalzo (ieri notte sono stati 12) mettendo in condizione la compagine di Walton di concentrarsi sull’altra metà del campo con maggiore efficacia. Nel primo tempi i Lakers tentano già una prima fuga a metà del secondo quarto quando il punteggio recita 38-22 a loro favore, ma i Kings quest’anno sono una squadra diversa e si vede: la reazione è da individuarsi in Fox e Cauley-Stein che riportano i padroni di casa sul 55-54 a metà terzo quarto. Poi la luce per Sacramento si spegne e sul palcoscenico brillano solamente i Lakers. Prima Lance Stephenson e poi LeBron James guidano i Lakers sul risultato finale di 101-86. Per LBJ ci sono 25 punti.

 

Highlights

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Risultati NBA