Seguici su

Mercato NBA 2018

NBA, Spurs: Leonard non andrà nella Western Conference

Altri aggiornamenti sul caso Leonard: gli Spurs hanno affermato di voler provare il tutto per tutto per ricucire il rapporto con la superstar; in alternativa proveranno a scambiarlo con una franchigia della Eastern Conference

La telenovela Spurs-Kawhi Leonard è destinata a durare ancora per un po’. Ecco un nuovo capitolo della storia: gli Spurs sono assolutamente determinati nel provare a ricucire la frattura creatasi col giocatore o, eventualmente, ad accettare di inviarlo in una squadra della Eastern Conference. Insomma: tutto pur di non inviarlo ad una squadra rivale della propria Conference.

La situazione sembra più che mai lontana dal capitolo finale: Leonard ha fatto capire chiaramente di voler andare in una squadra di Los Angeles, preferibilmente i Lakers, e che, se verrà scambiato ad un’altra squadra, la sua permanenza durerà un solo anno in attesa di poter firmare proprio per la franchigia di Magic Johnson nella free agency 2019/2020.
La conta delle squadre della Eastern Conference capaci di offrire assets di valore in cambio di una superstar del calibro di Leonard si riduce sostanzialmente a due: Boston Celtics e Philadelphia 76ers.
I Cleveland Cavaliers hanno sondato il terreno per l’ex Defensive Player of The Year e MVP delle Finals, ma senza ottenere alcuna apertura per imbastire una trattativa.
Gli Spurs hanno dichiarato di essere pronti ad ascoltare delle offerte, ma senza chiarire una deadline e soprattutto dopo aver già fatto trapelare di essere pronti a trattenere Leonard anche fino a febbraio.
La sensazione è che, se gli Spurs non faranno marcia indietro e accontenteranno il giocatore, la vicenda si possa concludere con un nulla di fatto: non sono molte le squadre, infatti, disposte a scambiare pedine di valore per assicurarsi un giocatore già determinato a firmare per i Lakers nell’estate successiva.

Il mercato NBA è sempre più infuocato: la questione LeBron James continua ovviamente a tenere banco assieme al caso Leonard, mentre si infiamma anche la vicenda Chris Paul-Rockets.
Per vedere tutti i pezzi andare al proprio posto nel puzzle, probabilmente dovremo aspettare almeno il primo luglio.

 

Leggi anche:

NBA, LeBron sta provando a convincere gli altri super free-agent a firmare per i Cavs

Mercato NBA, il GM degli Hornets blocca le voci: “Io spero che Kemba rimanga a vita”

NBA, Bruce Bowen attacca Leonard: “Sta cercando solo delle scuse, senza mai metterci la faccia”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Mercato NBA 2018

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.