Seguici su

News NBA

NBA Draft, parla Ayton: “Tutto girava attorno a basket e business”

Il nativo delle Bahamas ha sacrificato la gioventù sull’altare della pallacanestro

Deandre Ayton è la probabile prima scelta assoluta al prossimo Draft NBA. Non solo NbaReligion.com lo ha messo in cima al proprio Mock Draft: il centro da Arizona è una rara combinazione fisicità e abilità nell’attaccare, come scrive Niccolò Scarpelli nel profilo a lui dedicato.

Il nativo di Nassau, la capitale e il centro commerciale dell’arcipelago delle isole Bahamas, ha recentemente parlato del suo passato. Arrivato negli Stati Uniti all’età di 12 anni, Ayton si è guadagnato sul campo le attenzioni di tantissimi scout NBA. Dall’Università di Arizona esce un giocatore molto diverso da quello che videro per la prima volta alla Balboa City School di San Diego:

“A casa [a Nassau], si stava benissimo. Non volevo nemmeno sentir parlare di AAU. AAU mi suonava di mer*a. Non appena misi piede negli Stati Uniti, la mia vita è diventata un lavoro.”

Il giovane bahamense ha attirato l’attenzione di diversi scout californiani al Jeff Rodgers Camp tenutosi a Nassau nel 2011. Sebbene la pallacanestro giovanile americana non lo attirasse, è tutto sembrato normale, finché:

“Sono cresciuto e ho realizzato di non aver mai avuto una gioventù. Tutto girava attorno a basket e business. Non sono mai stato a Disneyland o qualcosa del genere. I bambini spesso me lo chiedevano, e io mentendo dicevo: ‘Oh sì, ci sono stato’, ma non ha mai conosciuto nulla di quella vita.”

Deandre Ayton ha vissuto con tre diverse famiglie negli anni in cui un weekend si viaggiava per sfidare compagini di ragazzini in giro per lo Stato e l’altro weekend pure.

“C’erano un sacco di cose in moto. A volte, succedeva che per un mese intero non riuscivo a parlare con mia madre. Ero in palestra dalle 8 del mattino alle 7 di sera. Era come un lavoro.”

Ayton si è poi trasferito alla Hillcrest Prep Academy, nei pressi di Phoenix, Arizona. Quando la madre lo raggiunse dalle Bahamas, Deandre aveva 16 anni. Non a caso ha scelto poi di giocare per i Wildcats. Chissà se Phoenix lo sceglierà con la #1, prolungando il legame tra lo Stato dell’Arizona e il giovane fenomeno.

 

Leggi anche:

Road to Draft 2018: Kevin Huerter

Rookie of the Year: Ben Simmons o Donovan Mitchell?

NBA: Marvin Bagley III negozia con la Puma

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA