Seguici su

Cleveland Cavaliers

NBA: David Griffin pensa che i Sixers siano in pole nella corsa a LeBron

L’ex GM dei Cavs, David Griffin, afferma che i Philadelphia 76ers sono a suo parere i favoriti nella corsa per ingaggiare LeBron James in free agency; i tifosi continuano a sognare

David Griffin conosce sicuramente bene LeBron James e, proprio per questo, quando commenta qualcosa riguardo al re, si tende a prestare attenzione. L’ex GM dei Cavs, tra gli artefici della squadra capace di compiere l’incredibile rimonta sui Warriors nel 2016, ha parlato della free agency e di LeBron James, accostando fortemente il suo nome a quello dei Philadelphia 76ers. Ecco le sue parole:

Non so su quali squadre si stia concentrando. Penso che rimanere ad Est gli darebbe le maggiori possibilità di vincere un altro titolo, ammesso che lasci Cleveland. Forse proprio restare a Cleveland è la scelta che gli da maggiori chance di vincere un altro anello, difficile a dirsi. Se avessi più chiare le sue possibili scelte, potrei esprimere un giudizio più preciso. […] Penso che non sia da trascurare il fatto che Rich Paul è anche l’agente di Ben Simmons, oltre che di LeBron. Quindi immagino che conoscerà bene l’organizzazione, e questo può dare un vantaggio. Penso che Brett Brown sia qualcuno a cui presti attenzione se ti trovi nella posizione di LeBron, così come Pop o così come al coach che c’è a Los Angeles… la scelta che farà sarà anche basata sull’allenatore della squadra. E penso che, siccome Ben ha una profonda conoscenza di di Coach Brown, questo potrebbe aiutare.”

L’ex GM dei Cavs non ha usato mezze misure per affermare che secondo lui sono proprio i 76ers i favoriti per accaparrarsi lo smisurato talento di James. Le altre squadre verso le quali il prescelto ha mostrato interesse sono i Cleveland Cavaliers che, nonostante tutto, restano la sua casa, i Los Angeles Lakers e gli Houston Rockets.

Alla fine della telenovela, LeBron James andrà a completare “The Process”? Presto per dirlo, intanto le rivelazioni di Griffin fanno sognare tutti i tifosi della città dell’amore fraterno.

 

Leggi anche:

NBA, Rockets: Chris Paul vuole il massimo salariale

NBA: i Detroit Pistons sono a caccia di un nuovo head coach

NBA, Prunty  nuovo primo assistente ai Suns

Commento

Commento

  1. Giorgio

    05/06/2018 19:20

    Per me Lebron non si aspettava di giocarsi le finals, quindi potrebbe anche finire la carriera a Cleveland, con un contrattone monstre tipo ultimo Kobe Bryant.
    Se avesse voglia di cambiare e provare un’ultima avventura, è difficile che scelga Philadelphia, è molto più attraente Los Angeles.
    Tra l’altro, a livello tattico, non sarà facile far convivere 3 play, (Lebron, Simmons e Fultz), tra i quali l’unico pericoloso dall’arco dei 3 punti è James (sappiamo che non è proprio la sua dote migliore, per quanto sia migliorato nel corso della carriera).
    Se ci mettiamo anche il fatto che Embiid tiene molto la palla rallentando il gioco..
    E’ vero poi che per far giocare James, di Fultz si può anche fare a meno.
    A Houston sinceramente non capisco come possano rinnovare Paul, Capela e prendere anche James, con i salari di Ryan Anderson, Tucker, Gordon e naturalmente Harden.
    Poi dovrebbero giocare con 3 palloni..
    Ai Lakers avrebbe carta bianca e hanno spazio salariale per fargli portare un amico.
    Credo che comunque deciderà davvero dopo le finals.

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Cleveland Cavaliers