Seguici su

Golden State Warriors

NBA, Curry: “Dobbiamo essere più aggressivi in difesa”

Curry ha analizzato le lacune difensive della sua squadra, colpevole a suo dire di essere “un passo indietro” rispetto all’attacco dei Rockets

Prima che la serie tra Golden State e Houston iniziasse Curry, quasi scherzando, disse che i Rockets lo avrebbero attaccato in ogni singolo possesso. Vedendo le statistiche di Gara 2, non si è poi sbagliato di molto.

I ragazzi di coach D’Antoni hanno individuato nel numero 30 dei Warriors l’anello debole della catena difensiva, costringendolo a difendere per ben 23 possessi, dopo i 20 di Gara 1. Non solo: Curry ha dovuto difendere 15 volte in isolamento in Gara 1 e 13 in Gara 2.

Steph ha parlato dell’attacco dei Rockets:

“Hanno segnato molto. Eravamo sempre un passo indietro nelle rotazioni e nei cambi difensivi. Sono andati molto nel pitturato. Sappiamo che il loro attacco si basa su isolamenti, penetrazioni al ferro… Dobbiamo rispondere con più aggressività e ordine difensivamente.”

Curry è stato costantemente preso di mira dai due principali portatori di palla dei Rockets, Paul e Harden, nel tentativo di superarlo ed arrivare al ferro. Nei 23 possessi in cui è stato preso di mira, Houston ha segnato 7 volte su 15.

“Siamo troppo diligenti con i cambi difensivi invece di difendere più duramente nell’uno contro uno. Che segnino o meno, più duro lavoriamo difensivamente, più fatica faranno a trovare soluzioni offensive. La differenza tra Gara 1 e gara 2 è questa: hanno fatto lo sforzo di migliorare le situazioni di isolamento muovendo di più la palla e noi siamo rimasti un passo indietro, me compreso.”

Infine, Curry ha chiuso con una rassicurazione sulle sue condizioni fisiche:

“Fisicamente mi sento bene. Sto giocando senza alcuna limitazione.”

Steph non è ancora riuscito ad entrare nella serie, giocando due partite sottotono in quel di Houston. Coach Steve Kerr comunque non ha perso la fiducia nel suo numero 30.

 

Leggi anche:

NBA, qui Rockets: “Concentrati su noi stessi”

NBA, Durant fa autocritica: “Partenza lenta? Colpa mia”

Risultati NBA: Houston spazza via Golden State in Gara 2. Serie sull 1-1

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors