Seguici su

Golden State Warriors

Risultati NBA: Houston spazza via Golden State in Gara 2. Serie sull 1-1

I Rockets tirano con il 50% abbondante dal campo e hanno 3 giocatori – Harden, Gordon e Tucker – sopra i 20 punti

Risultati NBA

(1) Houston Rockets 127-105 Golden State Warriors (2)

Serie in parità sull’1-1

Le Western Conference Finals tra Houston Rockets e Golden State Warriors potevano sembrare già indirizzate dopo la netta affermazione (119-106) di GS in Gara 1 (giocata in trasferta). I texani, invece, riescono a sfruttare il fattore campo in Gara 2 e battono la squadra della Baia 127-105, infliggendo ai Warriors una delle sconfitte più pesanti della stagione. I Rockets stanotte sono tornati la squadra schiacciasassi che ha incendiato la regular season (65 vittorie e 17 sconfitte prima dei Playoff), per la gioia di coach Mike D’Antoni che ha commentato così:

“Quando giochiamo la nostra pallacanestro possiamo battere chiunque, in stagione regolare come in post-season.” 

In difesa Houston ha fatto un lavoro decisamente migliore rispetto a Gara 1 (Golden State tenuta a 9-30 da tre punti; solo 16 punti con 1-8 dall’arco per Steph Curry e 8 punti con 2-4 per Klay Thompson). Ma è in attacco che il motore è tornato a girare al massimo: 27 punti per Harden (pur con un brutto 3-15 dal perimetro), 27 anche per Gordon (8-15 dal campo, 6-9 da tre, 5-5 ai liberi, +29 di Plus/Minus), 22 per PJ Tucker (8-9 dal campo, 5-6 al tiro pesante), 19 per Ariza, 16 e 6 assist per Chris Paul. L’appello del Barba, che dopo Gara 1 aveva chiesto maggior supporto da parte dei compagni, non è caduto nel vuoto.

A proposito di Harden: la guardia dei Rockets è ufficialmente nel novero dei tre finalisti per il premio di MVP della regular season. Pur essendo in buonissima compagnia – con LeBron James e Anthony Davis – il Barba è il favorito numero uno per la vittoria dell’award (30.4 punti e 8.8 assist di media in stagione regolare).

In casa Warriors l’unico a salvarsi – e a giocare una super-partita da vero predicatore nel deserto – è Kevin Durant. KD, dopo i 37 punti in Gara 1, ne piazza 38 (13-22 al tiro) in Gara 2. Coach Steve Kerr non cerca scusanti per la brutta prestazione dei suoi:

“Ci hanno strapazzati per tutta la partita. I Rockets non potevano permettersi di perdere di nuovo; hanno messo in campo la forza della disperazione. Noi no e siamo stati battuti nettamente.”

Houston ha preso il largo già nel secondo quarto (64-50 il parziale al termine della prima metà di gioco) ed è rimasta in vantaggio in doppia cifra per quasi tutto lo svolgimento del match, allargando il distacco anche nel garbage time (32-26 il parziale dell’ultima frazione).

Domenica notte alle 2 italiane c’è Gara 3, con la serie che si sposta a Oakland. Houston, con un’eventuale nuova vittoria, ribalterebbe definitivamente l’inerzia andandosi a prendere il fattore campo.

 

Leggi anche:

I risultati della Draft Lottery 2018

LeBron da leggenda, Celtics di più. 2-0 Boston nelle Eastern Conference Finals

LeBron: “Ancora tutto sotto controllo”

In arrivo il documentario su Michael Jordan

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Golden State Warriors

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.