Seguici su

Miami Heat

NBA, Joel Embiid vuole tutto e subito

Il camerunese è certo che il presente possa dare delle soddisfazioni ai Philadelphia 76ers, al di là del futuro roseo che li attende

Embiid

Embiid è carico e convinto che se il futuro dei suoi 76ers è radioso, il presente non è da meno.

I Sixers sono in vantaggio per 3-1 nel primo round contro i Miami Heat. Il team di Philadelphia ha la possibilità di chiudere la serie in Gara 5 al Wells Fargo Center questa notte. Se vincono avanzeranno al secondo turno per la prima volta dal 2012.

“Penso che il nostro tempo sia adesso. Abbiamo una squadra speciale, un sacco di bravi ragazzi. Non penso che abbiamo bisogno di altri. Dobbiamo solo lavorare con quello che abbiamo, ossia una squadra speciale. E sento che abbiamo buone probabilità di andare lontano.”

La frase di Embiid sui Sixers che non hanno bisogno di nessun altro potrebbe essere stata un riferimento ai futuri free agent. I 76ers infatti avranno un buon spazio salariale la prossima estate ed i rumors li vogliono fra le principali opzioni di un LeBron James lontano da Cleveland.

Ma il lungo camerunese non ha parlato direttamente di mercato e di free agency, è troppo concentrato sul suo primo incontro di Playoff in casa. Il centro All-Star ha infatti saltato le prime due partite della serie, e in totale 10 partite, per una frattura orbitale che comunque lo costringe a giocare con una maschera protettiva.

I 76ers in casa hanno vinto 25 delle ultime 27 partite della regular season, ed Embiid capisce bene l’importanza del parquet di casa e dei propri tifosi:

“Ti mostra solo quanto abbiamo bisogno di loro. Soprattutto io, gioco meglio in quel tipo di ambiente. Ho bisogno che i fan siano coinvolti e mi spingano. Questo eleva il mio livello di gioco.”

23 punti nel match di ritorno dall’infortunio e 14 in Gara 4 nella vittoria che ha portato Philly sul 3-1 contro Miami. In quest’ultima partita 26 palle perse di Philadelphia delle quali 8 solo di Embiid.

Il 24enne ha detto che si sta ancora abituando a giocare con la maschera e gli occhiali necessari per proteggere il suo osso orbitale. Il coach di Sixers, Brett Brown, ha affermato che alcune delle palle perse dal suo lungo sono causate proprio dall’uso della maschera.

“Abbiamo un sacco di cose su cui dobbiamo lavorare. Riguardo l’uso della maschera speriamo che migliori, ma non credo di essermi abituato. Ma non può essere una scusa, mi devo abituare.”

Embiid in Gara 4 si è reso efficace in fase difensiva nonostante l’impedimento dovuto alla protezione. 12 rimbalzi e 5 stoppate per limitare Miami a soli 19 punti nel quarto quarto.

 

Leggi anche:

Risultati NBA: Harden e Mitchell sopra tutto e tutti, è 3-1 per Rockets e Jazz

NBA: Ettore Messina head coach per Gara 5

NBA, Wall risponde al trash talk di Drake

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in Miami Heat