Seguici su

Curiosità

Le 10 schiacciate più assurde dello Slam Dunk Contest

Schiacciate a tre palloni, gente bendata e tanta fantasia. Quando lo Slam Dunk Contest sconfina nell’assurdo

Quante volte avrete guardato e riguardato Michael Jordan saltare dalla linea dei liberi e schiacciare a canestro, quante volte Vince Carter dondolare con il gomito dentro il ferro, a toccare la retina. Vi sarete stupiti nel veder volare Superman verso il canestro con una palla a spicchi tra le mani, vi sarete chiesti se Blake Griffin stesse facendo sul serio mentre saltava e schiacciava sopra una Kia. Anche i più giovani e coloro che si sono avvicinati a questo sport solo di recente avranno spalancato gli occhi e lasciato cadere la mandibola di fronte allo spettacolo offerto di recente da Aaron Gordon e Zach LaVine.

Oggi non è però di schiacciate mainstream che vogliamo parlare. Queste, più o meno, le conosciamo davvero tutti. Pochi ricorderanno invece Slam Dunk Contest al limite della follia, con schiacciate che solo le menti più fantasiose avrebbero mai potuto partorire: da candeline a orsetti, passando per gente bendata e compartecipazione del pubblico.

Forse negli ultimi appuntamenti di questa annuale manifestazione di atletismo e fantasia, si è persa proprio la componente creativa, quella capace di far ridere e di stupire. Come tutto l’All Star Weekend, anche lo Slam Dunk Contest è uno show frutto dell’entertainment made in USA che, con le sue continue esagerazioni, continua ad intrattenerci. Lo Slam Dunk è anche questo: abbiamo ripercorso quelle dieci schiacciate che più incarnano lo spirito della pura follia, della più inconcepibile assurdità.

Precedente1 di 11
Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Advertisement
Advertisement

Altri in Curiosità

Stiamo aggiornando la nostra Informativa sulla Privacy in ottemperanza al nuovo Regolamento generale sulla protezione dei dati (GDPR).
Chiudendo questo disclaimer verrà settato un cookie a conferma della presa visione di questo avviso.