Seguici su

Houston Rockets

Joe Johnson è arrivato ai Rockets

Ottenuto finalmente il buyout dai Sacramento Kings, Joe Johnson approda a Houston, per provare a dare un contributo importante per raggiungere le Finals

Dopo essere stato tagliato dai Sacramento Kings, Joe Johnson ha trovato una nuova casa in quel di Houston. Sebbene la notizia fosse già nell’aria da giorni, l’ufficialità è arrivata solo nella serata di ieri, con questo tweet.

Appena ufficializzato l’arrivo dell’ala piccola ex Jazz, è subito esordio in canotta rossa proprio nella partita contro i Sacramento Kings. L’esordio non è stato di quelli indimenticabili: Johnson ha messo a referto 9 punti, con ben 31 minuti giocati e una percentuale di tiri dal campo corrispondente ad appena il 22%.

Che il neoacquisto dei Rockets non stia vivendo la sua miglior stagione non è di certo una news, tuttavia. Arrivato alla veneranda età di 36 anni, Joe Johnson sta facendo registrare una media di 7.3 punti a partita, tirando da 3 punti con il 27%.

Sebbene le difficoltà di quest’anno con la maglia dei Jazz siano sotto gli occhi di tutti, per capire il reale valore della guardia tiratrice basta pensare all’importanza che il suo contributo ha rivestito nella passata stagione ai Playoffs. Al primo round della passata stagione, in cui Utah e Clippers si sono dati battaglia fino a gara 7, Joe Johnson ha messo insieme 15.7 punti di media durante la serie, dando un contributo essenziale alla squadra di Salt Lake City per passare il turno.

Gli Houston Rockets, che hanno appena raggiunto la vetta della Western Conference, grazie alla vittoria di questa notte contro i Sacramento Kings per 100 a 91, si sono assicurati quindi un veterano della lega capace di offrire un contributo importante dalla panchina per provare a raggiungere e superare la sfida più difficile: arrivare alle finali di Conference e darsi battaglia con i Golden State Warriors per l’accesso alle Finals.

Johnson ha già dimostrato di poter essere una preziosa risorsa se inserito nel modo giusto in un meccanismo efficiente come quello di Utah. Non c’è dubbio che con due passatori eccellenti e un sistema di gioco imperniato sul tiro da tre punti, la sua stella possa tornare a splendere.

 

Leggi anche:

I Clippers hanno rifiutato l’arrivo di Shumpert

Pace fatta tra Wall e Gortat

Lue: “Da prede siamo diventati cacciatori”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement

Altri in Houston Rockets