Seguici su

News NBA

NBA, JJ Redick sul ritiro: “È il momento giusto, ora padre a tempo pieno”

Il giocatore con un lungo messaggio d’addio

JJ Redick ha annunciato poche ore fa il suo ritiro ufficiale dal basket giocato tramite un post pubblicato su Instagram. L’ormai ex giocatore ha quindi spiegato i motivi che lo hanno portato a dire addio alla NBA:

“So che questo è il momento giusto. È tempo per me di essere un padre presente, è tempo per me di riflettere, fare una pausa ed è tempo per me di prepararmi per la prossima fase della mia vita. Ci sono cose che mi mancheranno. Mi mancherà la competizione, mi mancherà la routine, mi mancherà l’emozione di giocare davanti a 20.000 tifosi urlanti e il cameratismo dello sport di squadra. Mi hanno aiutato troppe persone lungo la strada per ringraziarle tutte singolarmente, ma voglio provare a citare alcuni soggetti decisivi. Voglio ringraziare i miei primi allenatori in AAU. Mi hanno instillato un senso di durezza, competizione e disciplina. Voglio ringraziare Boo Williams, che mi ha dato la mia prima possibilità di competere ad alto livello. Billy Hicks e Chris Morris per avermi spinto ogni giorno e avermi aiutato a mantenere la calma a Cave Spring. Coach K, ovviamente. Chris Collins, Johnny Dawkins e tutte le persone fantastiche di Duke, per avermi aiutato a crescere e avermi permesso di vivere il mio sogno d’infanzia. A tutti i miei allenatori NBA, grazie. Mi avete aiutato a diventare un giocatore migliore, una persona migliore. Ci sono così tante persone dietro le quinte che hanno avuto un ruolo importante nella mia carriera. Voglio ringraziare tutti i miei preparatori fisici, massaggiatori, chiropratici, i magazzinieri che mi hanno dato calzini nuovi per ogni partita. Lo staff di supporto, lo staff di sviluppo dei giocatori, lo staff delle pubbliche relazioni… Ci sono troppe persone da citare. Joey Jordan, Jay, Ross, Tim per citarne alcuni, grazie. Voglio anche ringraziare i miei agenti.”

Quindi, il suo pensiero va alla famiglia:

“Quando le persone mi chiedono cosa mi mancherà di più o cosa ho apprezzato di più durante la mia carriera, posso dire onestamente che saranno le relazioni che ho costruito e i momenti che ho avuto con i miei compagni di squadra e quelli contro i miei colleghi. È stato un vero onore far parte della “fratellanza” NBA negli ultimi 15 anni. Mia madre e mio padre hanno avuto un’enorme influenza sulla mia vita e sulla mia carriera. Hanno avuto 5 figli, tutti sportivi, e ci hanno portato in macchina per tutto il paese, hanno cercato di assistere a più partite possibili. Mio fratello David, le mie sorelle Alyssa, Katie e Abbie, grazie per il vostro sostegno e incoraggiamento. Infine, voglio solo dire che… ho iniziato a uscire con mia moglie Chelsea nel settembre 2008, 13 anni fa. Stavo lottando per il mio posto nella NBA in quel momento, non ero sicuro di avere un futuro lì. Ma negli ultimi 13 anni è stata la mia migliore amica, la mia più grande sostenitrice e la migliore compagna di squadra e partner che avrei potuto sperare. La mia roccia. Non vedo l’ora di portare i bambini a scuola, di aiutarti a preparare i pasti e a mettere a letto i ragazzi la sera. E per i miei ragazzi Knox e Kai: non vedo l’ora di essere il vostro papà a tempo pieno, non credo sia una coincidenza che i miei migliori anni di carriera coincidano con quelli in cui sono diventato papà. Siete tutto per me.”

 

 

Leggi Anche

NBA, JJ Redick annuncia il ritiro ufficiale

Mercato NBA, gli Houston Rockets vogliono ricostruire: ci provano per Ben Simmons

NBA, Carmelo Anthony ha raccontato di come è stato reclutato da LeBron James

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA