Seguici su

News NBA

Tatum e Booker giocatori della settimana NBA

Le due giovani stelle hanno ricevuto il riconoscimento per la 19esima settimana di NBA

booker tatum

Ci avviciniamo alla fine della stagione regolare NBA, e, come al solito, anche questo lunedì sono usciti i giocatori della settimana. Per la 19esima settimana sono stati premiati Devin Booker per la Western Conference e Jayson Tatum per la Eastern Conference. Lo ha riportato l’insider di The Athletic e Stadium Shams Charania via Twitter.

Per Devin Booker è il terzo riconoscimento di questo tipo per la stagione 2020-21. Lo aveva già vinto due volte nel mese di febbraio, in cui poi ha anche vinto il premio di giocatore del mese della Western Conference. Nell’ultima settimana Booker ha guidato insieme a CP3 i Suns alla prima qualificazione ai Playoff dopo 11 anni. L’ex Kentucky Wildcats ha avuto medie di 29.3 punti, 4 rimbalzi e 3.5 assist a partita, tirando con il 54,7% dal campo e 26,3% dall’arco dei tre punti.

Per la Eastern Conference riceve il premio Jayson Tatum, stella dei Boston Celtics che ha avuto una settimana davvero spettacolare. Ha giocato solo tre partite, avendo però delle statistiche impressionanti. Le sue medie parlano chiaro: 42.7 punti, 6 rimbalzi, 6 assist, 54,4% dal campo e 59,1% da tre. Ma è la sfida della notte italiana tra venerdì e sabato con i San Antonio Spurs che rimarrà nella storia. Tatum ha infatti segnato 60 punti, pareggiando il record realizzativo in singola partita dei Celtics che appartiene a una leggenda del basket di Boston, Larry Bird.

Anche per Tatum si tratta del terzo premio di Giocatore della Settimana di quest’anno. Curiosamente, con la partita contro gli Spurs è diventato anche il secondo giocatore più giovane nella storia NBA ad aver segnato almeno 60 punti. Il primo? Proprio Devin Booker, con i 70 punti segnati contro i Boston Celtics il 24 marzo del 2017, alla sua seconda stagione nella lega e a 21 anni non ancora compiuti.

 

Leggi anche:

NBA, LeBron out stanotte contro i Nuggets

Evan Fournier ha ancora sintomi post-Covid: “Sono ancora poco lucido”

NBA, Chris Paul porta Phoenix ai Playoff: “So chi sono e cosa posso fare”

Clicca per commentare

Commenta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Advertisement
Advertisement
Advertisement

Altri in News NBA